“Le misure anti-Covid da rispettare sono un dovere, uniti ce la faremo” - QdS

“Le misure anti-Covid da rispettare sono un dovere, uniti ce la faremo”

redazione

“Le misure anti-Covid da rispettare sono un dovere, uniti ce la faremo”

venerdì 14 Gennaio 2022 - 08:14

Riceviamo e pubblichiamo le considerazioni di un nostro lettore, Silvio Ruffino

Caro Direttore,

Certamente non è facile gestire questo periodo della pandemia per il Governo, per i presidenti di Regioni e soprattutto per i sindaci delle città e dei paesi, ma è difficilissimo anche per noi, semplici cittadini. Le norme antivirus approvate da tutti i nostri amministratori sono tutte sacrosante e perfette,anche se non vengono osservate da tutti.

Si, è proprio così perché anche se vengono rispettate dalla maggioranza dei cittadini,c’è una minoranza di persone che per superficialità (non so come chiamarla) trascurano la continuità del rispetto delle norme che tutti conosciamo.

Costoro, che non sono molti, pensano che la pandemia, il diffondere del virus sia insignificante, non sa che subito dopo il contagio si diventa un moltiplicatore rapido e nel giro di poche ore può diventare una macchina infernale che, pur partendo dal nostro territorio, in breve tempo arriva dovunque. Infine per non essere saccenti ci permettiamo di dire a tutti di leggere sui giornali l’elenco di alcuni comportamenti che sono utili non solo per se stessi, ma anche verso le persone care e verso quelli che frequentiamo.

Nel nostro piccolo noi facciamo il nostro dovere ricordando a tutti che le misure anticovid da rispettare sono un dovere per attutire questa tragedia umana in attesa che tutto finisca perché siamo più che convinti che se condividiamo questo presto il vaccino effettuerà l’effetto gregge e di conseguenza riusciremo a vincere.

Ci riuscirono senza vaccino i nostri antenati con la “spagnola”, con la “peste”,con la tubercolosi in tempi in cui gli scienziati non si scambiavano informazioni e non c’era alcun vaccino, immaginiamo oggi che siamo circondati da tante invenzioni giornaliere.

Silvio Ruffino
Messina

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684