Momento storico per il calcio cittadino tra nuova proprietà e sogni di rilancio - QdS

Momento storico per il calcio cittadino tra nuova proprietà e sogni di rilancio

Antonino Lo Re

Momento storico per il calcio cittadino tra nuova proprietà e sogni di rilancio

sabato 04 Maggio 2019 - 00:05
Momento storico per il calcio cittadino tra nuova proprietà e sogni di rilancio

I tifosi sperano sia la volta buona per rafforzare il club e tornare ai livelli di un decennio fa. Ieri la società rosanero è stata ufficialmente acquistata dal gruppo Arkus Network

PALERMO – Adesso ci siamo. E speriamo sia la volta buona. Dopo annate e mesi complicati, soprattutto gli ultimi, in casa Palermo Calcio sembra arrivato il momento della svolta. La società rosanero è stata acquistata da Arkus Network, gruppo italiano che si occupa di turismo di lusso. Da una parte Daniela De Angeli, proprietaria delle azioni del Palermo, dall’altra Walter Tuttolomondo, presidente di Arkus Network e il suo staff – dopo un preliminare d’accordo messo nero su bianco lo scorso 24 aprile – hanno siglato il passaggio definitivo del club.

La stessa società dell’ex presidente Maurizio Zamparini ha dato l’ufficialità dell’operazione pubblicando il seguente comunicato: “Daniela De Angeli e Sporting Network Srl comunicano che in data odierna è stato formalizzato il passaggio di proprietà delle azioni della Palermo Football Club Spa, società unica azionista dell’Us Città di Palermo SPA. La conferenza stampa di presentazione della nuova proprietà si terrà mercoledì 8 maggio 2019 alle ore 12 presso il Mondello Palace Hotel. In tale sede saranno forniti tutti i chiarimenti relativi all’operazione appena conclusa”.

Il gruppo capitanato dal napoletano Walter Tuttolomondo aveva già raggiunto l’accordo nelle scorse settimane al termine di un lunghissimo vertice cui hanno partecipato i legali e gli amministratori delle due parti in causa, battendo così la concorrenza di un’altra società interessata all’acquisizione del Palermo calcio, York Capital.

Ma negli ultimi giorni, la società che ha chiuso l’acquisto del club di viale del Fante è entrata nell’occhio del ciclone per le sue connotazioni politiche. Secondo quanto riportato da diversi media e dalle dichiarazioni rese da alcuni consiglieri comunali della città, Stefano Pistilli, amministratore delegato del gruppo napoletano controllato dalla holding inglese Gepro Investments Partners Limited, avrebbe dei concreti legami con l’estrema destra italiana ed europea.

Accuse che sono state respinte da Arkus Network, che ha replicato definendo il ruolo di Pistilli all’interno della società: “Con riferimento a talune notizie di stampa che asseritamente traggono origine dalle dichiarazioni pubblicamente rese da alcuni consiglieri comunali che l’asserita riproducibilità di questo gruppo imprenditoriale a componenti di matrice xenofoba è destituita di ogni fondamento, e non trova alcun riscontro nei pubblici registri e men che meno nel dna personale e culturale dei suoi esponenti. In ragione di ciò, il sig. Stefano Pistilli, nostro apprezzato e stimato professionista in quanto anche cittadino inglese, è il director della società di diritto britannico Gepro Investments Partners Ltd. Detenendo nella medesima società e per ragioni strettamente connesse al suo incarico, una minima quota di partecipazione di capitale, che non gli consente in nessun modo di esercitare alcun potere di influenza, sulla società medesima, sulle sue scelte e linee di indirizzo, per fatti e/o circostanze eventualmente dipendenti da opinioni ed orientamenti personali e che, in quanto tali, appartengono alla legittima sfera di ciascun individuo, i cui diritti in uno stato democratico sono garantiti da norme istituzionali che consentono la libertà di pensiero ed espressione”.

Chiarito questo passaggio, lo stato maggiore di Arkus Network, composto da Vincenzo Macaone, Stefano Pistilli, Walter Tuttolomondo e Fabrizio Lucchesi, nella giornata di mercoledì è sbarcato all’aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo. La firma tra le parti poteva già arrivare giovedì, ma è saltata solo per questioni burocratiche. Limati gli ultimissimi dettagli tra le parti, ieri è avvenuta la chiusura definitiva della trattativa per l’acquisto della società rosanero.

Una giornata storica per il Palermo calcio e per i suoi tifosi, che sperano adesso di tornare agli albori degli anni scorsi, scanditi da successi in Serie A e sogni europei.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684