A Mussomeli tre presunti furbetti del cartellino - QdS

A Mussomeli tre presunti furbetti del cartellino

redazione

A Mussomeli tre presunti furbetti del cartellino

sabato 23 Novembre 2019 - 00:00
A Mussomeli tre presunti furbetti del cartellino

Personale del Servizio veterinario avrebbe violato le disposizioni in materia di utilizzo dei badge. Disposta la sospensione dai pubblici uffici per altrettanti dipendenti dell’Asp nissena

CALTANISSETTA – I militari del Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza, unitamente a personale della Sezione di Polizia giudiziaria Ambiente e Sanità della Procura della Repubblica nissena, hanno eseguito tre misure cautelari personali disposte dall’Autorità giudiziaria nei confronti di altrettanti dipendenti in servizio presso l’Asp di Caltanissetta – Servizio veterinario di Mussomeli.

Le attività d’indagine hanno consentito di accertare, anche mediante l’ausilio di riprese video e numerosi pedinamenti, la commissione, a vario titolo, dei reati di truffa ai danni dello Stato, falsa attestazione di presenza in servizio, peculato e accesso abusivo al sistema informatico. In particolare, i dipendenti del Servizio veterinario di Mussomeli dell’Asp nissena, appartenenti a ruoli amministrativi, violando sistematicamente le prescrizioni sull’utilizzo dei badge personali per la rilevazione delle presenze sul posto di lavoro, timbravano per altri dipendenti assenti ovvero timbravano e lasciavano l’ufficio senza alcuna autorizzazione.

Numerosi sono stati i casi accertati in cui i dipendenti pubblici hanno timbrato, nello stesso momento, più cartellini a favore di colleghi non presenti al lavoro. Ancor più particolare è risultato il caso di un dipendente che, quasi quotidianamente, timbrava e successivamente si recava presso uno studio professionale per prestare altra attività lavorativa non autorizzata. Le video riprese disposte dalla Procura hanno mostrato le numerose e prolungate uscite del dipendente pubblico che si recava presso il suddetto studio, a volte utilizzando anche un automezzo dell’amministrazione e addirittura accedendo al software per la rilevazione delle presenze in servizio al fine di modificare gli orari registrati dalla macchinetta elettronica marcatempo, così da risultare regolarmente al lavoro quando non lo era.

Su richiesta della Procura della Repubblica di Caltanissetta, il Gip del Tribunale nisseno ha quindi emesso tre provvedimenti di sospensione dai pubblici uffici, notificati ad altrettanti pubblici dipendenti interessati dal provvedimento. Il dipendente che sistematicamente lasciava il posto di lavoro per recarsi a svolgere altra attività è stato sospeso per un anno, mentre gli altri colleghi assenteisti sono stati sospesi per la durata di un mese.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684