Omicidio a Palermo, mistero sulla morte di Giuseppe Incontrera - il VIDEO

Omicidio a Palermo, mistero intorno alla morte di Giuseppe Incontrera – VIDEO

web-dr

Omicidio a Palermo, mistero intorno alla morte di Giuseppe Incontrera – VIDEO

Marco Gullà  |
giovedì 30 Giugno 2022 - 11:56

Tre colpi di pistola e per lui non c’è stato nulla da fare, è morto in ospedale Giuseppe Incontrera. Ancora mistero sul movente. I Carabinieri indagano.

Tre colpi di pistola e per lui non c’è stato nulla da fare, è morto in ospedale. Si torna a sparare a Palermo, omicidio questa mattina intorno alle 8. Un uomo di 45 anni, Giuseppe Incontrera, con precedenti per droga, è stato ucciso a colpi di pistola in via Imperatrice Costanza alla Zisa.

Omicidio a Palermo, come è morto Giuseppe Incontrera

L’uomo sarebbe stato assassinato al termine di una lite, originata da un incidente stradale. I rilievi vengono condotti nei pressi di un’auto parcheggiata con il parabrezza lesionato, e da qui nasce l’ipotesi di una lite per un incidente.

Incontrera è stato soccorso e portato d’urgenza al pronto soccorso del Civico dai sanitari del 118, ma è deceduto poco dopo. Era arrivato in ospedale in condizioni gravissime, con tre colpi di pistola addosso, due al torace, uno alla spalla. I medici non hanno potuto far nulla per salvarlo.

Chi era la vittima

Adesso, i carabinieri del nucleo Investigativo stanno cercando di capire cosa sia accaduto, perché si è arrivati a sparare se alla base della lite ci fosse solo un incidente stradale. Vengono interrogati residenti e familiari, si scava anche nel passato dell’uomo ucciso, che ha precedenti per droga.

Inoltre, nelle intercettazioni, Incontrera sarebbe emerso come vicino ad ambienti mafiosi, anche per via di alcune parentele acquisite.

L’omicidio e la tensione in ospedale

Momenti di tensione al pronto soccorso dell’ospedale dove si sono radunate una cinquantina di persone. Per presidiare sono intervenuti gli agenti di polizia del reparto mobile. I sanitari del 118 arrivati nella zona dove è stato ferito a morte l’uomo, inoltre, sono stati aggrediti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684