Caos ai Rotoli di Palermo, indagato il sindaco Orlando - QdS

Caos ai Rotoli di Palermo, indagato il sindaco Orlando

web-j

Caos ai Rotoli di Palermo, indagato il sindaco Orlando

web-j |
sabato 08 Gennaio 2022 - 08:15

Il primo cittadino è indagato dalla Procura di Palermo per omissione di atti d'ufficio nell'ambito dell'inchiesta sulle bare insepolte

Non finiscono le noie giudiziarie per il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Come riportato oggi sulle colonne dell’edizione odierna di Palermo di Repubblica, il primo cittadino è indagato dalla Procura di Palermo per omissione di atti d’ufficio nell’ambito dell’inchiesta sulle bare insepolte, quasi 900, al cimitero dei Rotoli. Già due anni fa Orlando era stato convocato al Palazzo di giustizia come “testimone informato dei fatti”, a dicembre ha ricevuto un avviso di proroga dell’inchiesta.

Sul caos del cimitero dei Rotoli la Procura indaga da tempo. Ai domiciliari nell’ottobre 2020 nell’ambito di un’inchiesta dei carabinieri finì il direttore del camposanto con l’accusa di corruzione e concussione. Lo scorso settembre la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per dieci persone, fra dipendenti comunali e impresari funebri.

Una questione diventata dibattito nazionale

La scorsa estate il caos del Cimitero dei Rotoli era finito sotto i riflettori della cronaca dopo i post su Instagram di Selvaggia Lucarelli e il leader della Lega, Matteo Salvini a ottobre, durante una tappa in città, aveva visitato il camposanto. “Bisogna risolvere e in fretta – aveva detto uscendo ai giornalisti – Porterò la questione sul tavolo del governo. Ma qui ci sono decenni di inefficienza”.

“Vogliamo soluzione definitiva al problema”

“Sono stato uno tra i primi a denunciare in procura questa situazione con un esposto oltre un anno fa. Sono contento che la magistratura abbia deciso di approfondire e verificare se ci siano responsabilità penali da parte di questa Amministrazione comunale”. A dirlo è il capogruppo della Lega al Consiglio comunale di Palermo, Igor Gelarda,

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684