Mazzette a funzionari Inps: sequestrate 3 agenzie recupero crediti a Palermo, Messina e Riccione - QdS

Mazzette a funzionari Inps: sequestrate 3 agenzie recupero crediti a Palermo, Messina e Riccione

web-mp

Mazzette a funzionari Inps: sequestrate 3 agenzie recupero crediti a Palermo, Messina e Riccione

web-mp |
venerdì 20 Maggio 2022 - 09:28

Indagate 16 persone, coinvolti imprenditori e funzionari pubblici. Almeno sei mila gli accessi abusivi alle banche dati effettuati dai dipendenti infedele Inps: 800 gli utenti violati

Tangenti e funzionari pubblici infedeli. Tre società di recupero crediti con sede a Palermo, Messina e Riccione e disponibilità finanziarie per un valore di oltre 77mila euro sono state sequestrate dai finanzieri del Comando provinciale di Palermo nell’ambito di un’indagine che ha svelato un presunto giro di mazzette per l’accesso abusivo a banche dati.

Le indagini

Le indagini, condotte dagli specialisti del nucleo di Polizia economico-finanziaria di Palermo – gruppo Tutela spesa pubblica, hanno fatto luce su un gruppo criminale, composto da imprenditori e pubblici dipendenti, con base a Palermo e attivo anche in Sardegna, Campania ed Emilia Romagna. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Palermo su richiesta della locale Procura.

Gli indagati

Gli indagati, in totale 16 tra persone fisiche e giuridiche, sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione, accesso abusivo alle banche dati, rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio, nonché responsabilità amministrativa degli Enti dipendente dagli stessi reati. I sigilli sono scattati per una società di recupero crediti con sede a Riccione, per un’altra con sede a Palermo e per un’agenzia di disbrigo pratiche di Messina.

l gip, pur riconoscendo integralmente le prospettazioni accusatorie, non ha ritenuto di disporre misure cautelari personali nei confronti dei responsabili, la Procura della Repubblica ha impugnato l’ordinanza e il Tribunale del Riesame ha disposto gli arresti domiciliari per l’imprenditore di Riccione e l’interdizione dall’esercizio di attività imprenditoriale per sei mesi per l’amministratore di fatto della società palermitana. L’esecuzione delle misure è sospesa fino al momento in cui la decisione diverrà definitiva.

Mazzette per accesso a banche dati

Le indagini che hanno svelato un presunto giro di mazzette per l’accesso abusivo a banche dati con il coinvolgimento di imprenditori e funzionari pubblici infedeli sono scattate dopo una segnalazione della funzione ispettiva della Direzione centrale risorse umane dell’Inps e si sono sviluppate attraverso due distinti filoni investigativi.

Il primo ha permesso di ipotizzare l’esistenza di un’associazione criminale composta da un dipendente dell’Inps di Palermo e tre imprenditori del settore del recupero crediti, attraverso due società, una con sede a Palermo e l’altra con sede a Riccione. Il secondo filone investigativo ha riguardato, invece, le condotte illecite che gli imprenditori avrebbero posto in essere una volta venuta meno la figura del funzionario Inps palermitano, nel frattempo sospeso dall’ente previdenziale.

Circa 6mila accessi abusivi, vittime oltre 800 utenti, il dipendente è stato già sospeso

Sarebbero circa 6mila gli accessi abusivi alle banche dati effettuati dal funzionario infedele dell’Inps di Palermo (già sospeso) nei confronti di oltre 800 utenti. A ricostruirli tramite le segnalazioni effettuate dalla struttura Audit dell’Inps sono stati i finanzieri del Comando provinciale di Palermo nell’ambito dell’indagine che ha portato al sequestro di tre società di recupero crediti con sede a Palermo, Messina e Riccione, svelando un presunto giro di mazzette a dipendenti pubblici per l’accesso abusivo alle banche dati. Sedici in tutto gli indagati.

In particolare, i titolari delle due società, una con sede a Palermo e un’altra con sede a Riccione, avrebbero corrotto il dipendente dell’Inps in servizio nel capoluogo siciliano per reperire informazioni riservate in merito alla posizione lavorativa e contributiva di ignari utenti dell’ente previdenziale, nei cui confronti avevano ricevuto da terzi l’incarico di recuperare dei crediti. In cambio il pubblico funzionario avrebbe ricevuto circa 17mila euro.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684