Piano contro le ondate di calore così l’Asp di Enna vuole tutelare i fragili - QdS

Piano contro le ondate di calore così l’Asp di Enna vuole tutelare i fragili

redazione

Piano contro le ondate di calore così l’Asp di Enna vuole tutelare i fragili

sabato 18 Giugno 2022 - 09:30

Approvato il documento operativo per fronteggiare i rischi per la salute di anziani, bambini e persone diversamente abili. Si fa leva sul coordinamento di allerta e intervento del personale sanitario

ENNA – L’Azienda sanitaria provinciale ha redatto il Piano per fronteggiare i rischi per la salute provocati dalle ondate di calore. Il Piano operativo di prevenzione degli effetti del caldo evidenzia le procedure e gli interventi da adottare per proteggere dalle ondate di calore le persone più vulnerabili e fragili, come anziani, bambini, persone con disabilità.

Gli anziani i più esposti alle ondate di calore

In particolar modo, la popolazione anziana è considerata la più esposta alle conseguenze negative del caldo sulla salute a causa delle “ridotte capacità di adattamento e reazione dovute all’età avanzata, alla presenza di patologie croniche, in particolar modo cardiopatiche…”.

I malesseri possono inoltre presentarsi con sintomi di differente gravità come, per citarne alcuni, stress da calore, lipotimia, colpo di calore, disidratazione, con tutti i disturbi e le patologie correlate. Il Piano, quindi, è orientato a incrementare la sorveglianza della popolazione suscettibile e a favorire, in caso di necessità, l’aumento degli Accessi domiciliari (Adi) nelle giornate di rischio meteorologico.

La popolazione suscettibile è individuata attraverso l’analisi dei fattori socio-demografici e degli indicatori dello stato di salute: l’elenco delle persone a rischio è sottoposto all’attenzione dei direttori dei Distretti sanitari dell’Asp e dei medici di medicina generale. Il sistema di rete, pertanto, fa leva sul coordinamento integrato di allerta e intervento dei medici di famiglia, pediatri di libera scelta, Pronto soccorso, Distretti sanitari, continuità assistenziale, Presidi territoriali di assistenza, 118, ospedali.

La campagna informativa è già partita

La campagna informativa è già partita con diverse azioni dirette alla popolazione generale e agli operatori sanitari coinvolti nel Piano operativo, sottoscritto dalla responsabile dell’Educazione alla salute, Eleonora Caramanna, e dal direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale ennese, Francesco Iudica.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684