Piazza Armerina, tra buon cibo e rieducazione - QdS

Piazza Armerina, tra buon cibo e rieducazione

Elisa Saccullo

Piazza Armerina, tra buon cibo e rieducazione

martedì 22 Dicembre 2020 - 00:00
Piazza Armerina, tra buon cibo e rieducazione

Si è concluso proprio in questi giorni il progetto “Metti una sera a cena in cella”, che ha coinvolto i detenuti ospiti della Casa circondariale di Piazza Armerina

PIAZZA ARMERINA (EN) – “Metti una sera una cena in cella: pillole di cucina per cuochi mancati”. Questo il titolo dell’iniziativa svoltasi nel carcere piazzese.

Un percorso di odori e sapori in cui gli ospiti del penitenziario sono stati guidati da Pierelisa Rizzo, giornalista e appassionata di cucina. Dieci lezioni che hanno coinvolto sei ospiti del carcere per insegnar loro a maneggiare le materie prime, usare le spezie, sperimentare nuovi piatti e riscoprire quelli della tradizione.

Nella cucina, allestita in una delle stanze del carcere, i detenuti hanno formato una vera e propria batteria di cucina, imparando a lavorare tutti insieme, come una vera e propria squadra. Sotto l’attenta guida del direttore della Casa circondariale di Piazza Armerina, Antonio Gelardi e degli educatori Ivana La Rocca e Gianni Giannone, con la collaborazione degli agenti della Polizia penitenziaria comandati da Salvatore Puglisi, è stato possibile realizzare il corso per dare un’opportunità in più di socializzazione ai ristretti.

Viste le restrizioni imposte per l’emergenza Covid, non è stato possibile organizzare un evento di chiusura del progetto. Per questo, i detenuti corsisti hanno pensato di realizzare dei dolci per tutti gli ospiti del carcere, regalando loro un momento di dolcezza.

“È stata una bella esperienza – ha detto Pierelisa Rizzo – e credo che, proprio di questi tempi, sia necessario ricominciare a imparare il rispetto per le materie prime. Chi maneggia gli alimenti ha una grande responsabilità, perché dobbiamo sempre ricordarci che il cibo è Vita. Durante il corso, ci siamo anche divertiti, cucinando insieme, e abbiamo scoperto come realizzare molti piatti con i mezzi di fortuna che si posseggono in cella”.

“D’altro canto – ha concluso – il carcere è il luogo per antonomasia in cui si sperimenta l’arte di arrangiarsi”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684