Crisi e caro bollette, pensioni anziani a rischio pignoramento: ecco perché

Crisi e caro bollette, allarme pignoramento pensioni: cosa sta succedendo

web-mp

Crisi e caro bollette, allarme pignoramento pensioni: cosa sta succedendo

web-mp |
sabato 24 Settembre 2022 - 09:17

Caro bollette di acqua, luce e gas. A pagarne le conseguenze, sono migliaia di anziani che si ritrovano a non avere i soldi per pagare il mutuo o fare la spesa. Con il rischio di poter perdere la casa o di finire in mano agli usurai.

Crisi economica, i più colpiti sono i pensionati, ecco perché

I pensionati sono tra i più colpiti dalla crisi economica, tant’è che oggi è in crescita il numero delle pensioni sulle quali è stato disposto un pignoramento.

Come si apprende in un articolo di Libero, “secondo i più recenti dati forniti dall’associazione Favor debitoris, impegnata contro il debito e le conseguenze dell’usura, oggi in Italia ci sono circa 200 mila persone con la pensione pignorata. E la situazione non è destinata a migliorare, considerando aumento dei tassi di prestiti e mutui, caro bollette e inflazione”.

Il “minimo vitale”, cosa è e chi lo riceve

Intanto, è stato approvato un emendamento al decreto legge aiuti bis che introduce ‘modifiche al limite di impignorabilità delle pensioni’: si passa cioè da 700 a mille euro come soglia sotto la quale le pensioni non si possono pignorare. Finora, bastava davvero poco per ritrovarsi senza l’introito mensile a causa di un pignoramento.

Il cosiddetto “minimo vitale”, per i pensionati morosi e soggetti a pignoramenti, era 702,42 euro: una soglia pari a 1,5 volte il valore dell’assegno sociale che è di 468,28 euro.

Cosi, con il nuovo provvedimento una fascia di protezione in più è stata ottenuta. Ma le rate dei mutui da pagare sono ancora per molti un peso troppo gravoso se si aggiunge ora l’aumento delle bollette di gas e luce.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001