Prelievi Bancomat, quando scatta accertamento fiscale? Il limite da non superare - QdS

Prelievi Bancomat, quando scatta accertamento fiscale? Il limite da non superare

web-iz

Prelievi Bancomat, quando scatta accertamento fiscale? Il limite da non superare

web-iz |
giovedì 14 Ottobre 2021 - 09:30

Continuano le attività di contrasto all'evasione fiscale. Ecco quando scattano le verifiche fiscali ad aziende e privati cittadini.

Continua la lotta del Fisco contro gli evasori. Adesso nel mirino i prelievi di denaro contatto dal conto corrente o dal libretto postale. Ecco quando scatta l’accertamento discale.

Il limite da non superare

Non esiste un limite per il prelievo di contanti da parte dei cittadini, liberi ovviamente di poter accedere alle proprie risorse e ai propri risparmi. Ma quando un’azienda supera la soglia di 1000 euro prelevati in 24 ore dal Bancomat – oppure 5000 euro in un mese – scattano alcune verifiche. E lo stesso avviene ai privati cittadini che, solitamente, devono rispettare i limiti imposti dal proprio istituto di credito per evitare scocciature.

Libretti postali

Ma qual è la soglia da non superare? Per quanto riguarda i libretti postali, ognuno ha regole diverse. Quello ordinario non presenta grossi limiti: se il prelievo di denaro contante avviene direttamente dallo sportello dell’ufficio postale in cui si è aperto il proprio deposito, non esiste alcun importo massimo da rispettare. Se però il prelievo avviene in un ufficio diverso, il limite giornaliero è di 600 euro. Così come tramite carta o Postamat, dove a questo tetto giornaliero si aggiunge anche quello mensile di 2500 euro.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684