Prendersi cura dell'altro - QdS

Prendersi cura dell’altro

Arena Maurizio

Prendersi cura dell’altro

giovedì 23 Maggio 2019 - 00:00

La medicina, tende a curare analizzando il corpo umano nei suoi elementi costitutivi, isolando la malattia in una sua specifica parte, curando solo quella: così la gastrite indicava una malattia dello stomaco, la tendinite del tendine, la bronchite dei bronchi, e così via.

Questa visione, tendenzialmente meccanicistica e riduttiva, che interpreta l’essere umano come una macchina cui sostituire o aggiustare pezzi in avaria, è superata grazie a una visione esistenziale dell’uomo che deve essere considerato sotto il triplice aspetto fisico, mentale e spirituale.
La cura, nella sua accezione più ampia, non è una medicina che cura un sintomo, essa rappresenta, piuttosto, l’opportunità di potersi prendere “cura” della persona, sotto il profilo fisico, mentale e spirituale, nel rispetto della sua integrità psicosomatica.

Così, “prendersi cura” dell’individuo vuol dire impegnarsi, interessarsi, rivolgergli attenzioni e considerazioni, non solo impostare una strategia terapeutica, garantendogli, così, il miglioramento della qualità della vita, nei suoi molteplici aspetti.

L’essere umano è protagonista del suo destino, è responsabile di ciò che succede e gli accade perché può scegliere liberamente.
Così chi cura si rende disponibile a donarsi e ad amare, rischiando in prima persona il cambiamento, lavorando senza paracadute, con lo scopo di riparare, di favorire nel paziente una qualità della vita personale aperta ai significati e ai valori più alti.

In questa relazione d’amore, in questa ricerca di significati e valori più alti, paziente e curante si sentono afferrati da una potenza sovrannaturale che trascende la realtà quotidiana, grazie alla quale entrambi sentono, comprendono e rispondono alle domande sul mistero della vita e sulla vera qualità che essa deve avere. La qualità della vita è l‘espressione armonica che intercorre tra l’ascolto delle proprie attese ed esigenze e i modi di vita che ciascuno di noi assume. Modi di vita fatti d’atteggiamenti e comportamenti in cui ciascuno investe energie che, se ben dirette e indirizzate consapevolmente nel rispetto delle proprie e altrui attese e esigenze, garantiscono una qualità di vita gratificante ed equilibrata.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684