Progetto di vita. Genitori, chiedetelo! - QdS

Progetto di vita. Genitori, chiedetelo!

Russo Lucia

Progetto di vita. Genitori, chiedetelo!

mercoledì 25 Maggio 2022 - 09:50

Il Piano educativo individualizzato come modello unico in tutte le scuole italiane

Con il Piano educativo individualizzato come modello unico in tutte le scuole italiane, definitivamente grazie alla pronuncia del Consiglio di Stato di cui alla rubrica dell’11 maggio, si va verso un lavoro più sistematico a scuola a favore degli alunni con disabilità. Senza progetto di vita, però, non si va da nessuna parte.

In questi giorni nei calendari degli appuntamenti istituzionali in ogni scuola viene fissata la riunione entro il 30 giugno per tutti i Gruppi di lavoro operativo, uno per ogni alunno disabile. Si tratta dei consigli di classe allargati alla presenza dei genitori dell’alunno, dei professionisti, interni ed esterni all’istituzione scolastica, e dell’Unità di valutazione multidisciplinare dell’Azienda sanitaria locale. Al Glo nella Scuola superiore può partecipare anche lo studente o la studentessa disabile. Ciò è stato deciso dal legislatore ai fini dell’inclusione scolastica nel rispetto del principio di autodeterminazione.

Cosa succede nell’ultimo Glo dell’anno?

Cosa succede nell’ultimo Glo dell’anno? Avviene la verifica conclusiva relativa all’anno scolastico in corso e di formalizzazione delle proposte di sostegno didattico e di altre risorse per quello successivo. Dunque è un momento molto importante perché non solo si tirano le somme sull’anno concluso, ma si pensa al prossimo, a cosa occorre rivedere, se per esempio il numero delle ore sono insufficienti e quindi sarebbe necessario incrementarle per l’anno successivo.

Il problema principale è, però, con riferimento alla Scuola secondaria di secondo grado, che il Pei andrebbe ricollegato al progetto di vita che deve essere stato predisposto dal Comune affinché si possa garantire all’alunno una formazione funzionale al futuro, cioè il “dopo di noi”. E invece in tutti i Pei troviamo sempre annotato che il “progetto di vita non è pervenuto”. Non tutti i genitori, purtroppo, sono a conoscenza che è un loro diritto averlo e l’insegnante di sostegno è tenuto ad aprire loro gli occhi.

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684