Barbagallo, "Precari del Massimo patrimonio da salvaguardare" - QdS

Barbagallo, “Precari del Massimo patrimonio da salvaguardare”

Luigi Ansaloni

Barbagallo, “Precari del Massimo patrimonio da salvaguardare”

venerdì 23 Luglio 2021 - 13:20

Ospite di QdS Pausa Caffè, condotto da Luigi Ansaloni con l'opinionista Giovanni Pizzo, è Antonio Barbagallo, segretario della Fials Palermo

Ospite di QdS Pausa Caffè, condotto da Luigi Ansaloni con l’opinionista Giovanni Pizzo, è Antonio Barbagallo, segretario della Fials Palermo.

Si parla del mondo della musica e di “carrozzoni” che sono stati sempre più svuotati, fino ad essere ridotti all’osso. Ed è proprio questo che l’ennesima riorganizzazione che a molti non è piaciuta per nulla. Con gesti anche forti.

I sindacati della Fondazione Teatro Massimo di Palermo hanno prima proclamato e poi revocato una protesta indetta per “Il Trovatore” al Teatro di Verdura.

La decisione di revocare lo sciopero di Fistel Cisl, Uilcom e Fials è giunta dopo l’impegno assunto dalla Regione Siciliana per la stabilizzazione dei 42 precari del teatro.

Tutto dopo un incontro avvenuto in via telematica con la V commissione legislativa Cultura, Formazione e Lavoro dell’Ars, alla presenza del sovrintendentedella Fondazione Teatro Massimo Francesco Giambrone, del sindaco di Palermo Leoluca Orlando e le organizzazioni sindacali.

La Regione ha preso l’impegno ad aumentare le risorse con un investimento sul personale per la stabilizzazione del corpo di ballo e dei precari della Fondazione.

“L’impegno preso prevede una riconsiderazione del riparto del Fondo Unico per loSpettacolo destinato dalla regione alla Fondazione, con un incremento di finanziamenti dal 2022”, spiegano le tre sigle sindacali Fistel Cisl, Uilcom e Fials,che proseguono: “La direzione si è impegnata ad utilizzare queste risorse già dal 2022 per aumentare la platea dei beneficiari ed in particolare per dare più visibilità contrattuale al corpo di ballo. Se gli impegni non verranno mantenuti però si riprenderà la lotta”, concludono.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x