Reddito di cittadinanza ma condannati per mafia: 32 denunce a Riposto

Riposto, condannati per mafia ma percepivano il reddito di cittadinanza: 32 denunce

web-pv

Riposto, condannati per mafia ma percepivano il reddito di cittadinanza: 32 denunce

web-pv |
martedì 10 Maggio 2022 - 05:34

Intascavano il reddito di cittadinanza nonostante fossero agli arresti o condannati per associazione mafiosa

Scoperti a Riposto 32 “furbetti” del reddito di cittadinanza, percettori del beneficio senza però averne i requisiti. La Guardia di finanza ha ‘individuato’, nella cittadina catanese, 32 indebiti percettori per un danno alle casse dello Stato di oltre 398 mila euro. In particolare, in due non avevano i requisiti per ottenere il ‘beneficio’ perché condannati in via definitiva per il reato di associazione mafiosa.

Gli altri casi

Altre dieci persone hanno omesso di comunicare di avere nel proprio ‘nucleo’ dei familiari condannati in via definitiva per il medesimo reato. In tre, invece, non avevano i requisiti per ottenere il ‘beneficio‘ perché sottoposti a misura cautelare. Altre diciassette persone, infine hanno omesso di comunicare di avere nel proprio ‘nucleo’ familiari sottoposti a misura cautelare personale. Sulla base degli elementi acquisiti le fiamme gialle hanno denunciato gli indebiti percettori all’Autorità giudiziaria che ha già emesso 27 avvisi di conclusione delle indagini preliminari che sono stati notificati ai vari indagati.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684