Regione Siciliana, l'opposizione a Draghi: "Rimuovere Musumeci"

Regione Siciliana, l’opposizione a Draghi: “Rimuovere Musumeci e sciogliere l’Ars”

web-pv

Regione Siciliana, l’opposizione a Draghi: “Rimuovere Musumeci e sciogliere l’Ars”

web-pv |
giovedì 21 Aprile 2022 - 20:55

La Regione è in esercizio provvisorio fino al 30 aprile e ad oggi "la giunta Musumeci ha trasmesso all’Ars il ddl di bilancio per l’esercizio finanziario 2022/2024 privo di un presupposto essenziale"

Il Pd, il M5S e Claudio Fava, gruppi di opposizione all’Ars, hanno scritto al presidente del Consiglio Mario Draghi per chiedere “di valutare l’avvio del procedimento di rimozione del presidente della Regione e di scioglimento dell’Assemblea regionale siciliana per atti contrari alla Costituzione ai sensi dell’art. 126 della Costituzione”. La missiva è stata inoltrata per conoscenza anche ai ministri per gli Affari regionali ed Economia e Finanze. La Regione Siciliana è in esercizio provvisorio fino al 30 aprile e, sottolineano le opposizioni, ad oggi “la giunta guidata da Musumeci ha trasmesso all’Ars, che deve approvarla con legge, il ddl di bilancio per l’esercizio finanziario 2022/2024 privo di un presupposto essenziale, ovvero il parere preventivo che deve essere obbligatoriamente espresso dal Collegio dei revisori dei conti della Regione”.

La denuncia dei deputati

“Con la scadenza ormai prossima dell’esercizio provvisorio non più prorogabile, il disegno di legge di bilancio – denunciano i deputati opposizione – trasmesso all’Assemblea regionale siciliana non è corredato dal parere del Collegio dei revisori, si prefigura dunque la violazione delle norme di attuazione dello Statuto ma, soprattutto l’impossibilità di pervenire all’approvazione del bilancio di previsione 2022/2024 entro i termini perentori del 30 aprile”.

Infatti, spiegano i deputati, “anche a prescindere dai tempi necessari affinché il Collegio dei revisori possa fornire il proprio parere, è la stessa procedura dettata dal Regolamento interno dell’Ars per la sessione di bilancio che non consente di contrarre i tempi per l’esame e la discussione dei documenti finanziari da parte, prima delle Commissioni legislative, e poi dell’Aula. Non ci sono più le condizioni – concludono – affinché la Regione Siciliana approvi il bilancio di previsione entro la scadenza dell’esercizio provvisorio, con conseguente gravissima violazione dello Statuto e della Costituzione”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684