Revoca concorso Arpa, Fials, “Pronti a raffica di ricorsi” - QdS

Revoca concorso Arpa, Fials, “Pronti a raffica di ricorsi”

web-mp

Revoca concorso Arpa, Fials, “Pronti a raffica di ricorsi”

web-mp |
martedì 21 Dicembre 2021 - 09:37

“La Fials-Confsal nel denunciare l’illegittimità della revoca del concorso Arpa, si rivolge a tutti coloro che hanno già svolto la prova preselettiva, per promuovere l’azione legale per ripristinare la selezione”. Lo scrive in una nota il segretario provinciale Fials Palermo, Enzo Munafò, alla luce del decreto del dirigente generale Infantino che ha annullato il concorso al quale avevano partecipato circa 14 mila candidati di tutta l’Italia. Una scelta, ricorda la Fials, che nessuna organizzazione sindacale aveva chiesto nonostante il tentativo di giustificare il decreto con un parere sindacale datato addirittura ottobre 2020.

Perché quindi il concorso è stato revocato?

La revoca sarebbe legata a recenti norme, successive al concorso, che avrebbero potuto aumentare il numero dei posti da riservare agli interni. Ma la Fials ricorda che il concorso è stato bandito dopo la selezione interna che prevedeva che il 30 per cento dei posti vuoti disponibili fosse riservato al personale interno Arpa, e così è stato.

“I dipendenti – spiega la Fials – hanno quindi potuto partecipare ai bandi di selezione interna, ottenendo idoneità con inquadramento in categoria superiore già dal primo gennaio 2020”. Per gli esterni invece era stato necessario ricorrere a una preselezione perchè il numero di candidati era di 14.000 per 57 posti.

Cosa dice il sindacato sulla revoca

Il sindacato sostiene che il direttore Infantino “avrebbe dovuto sapere che per chimici e fisici i candidati per la preselezione sono stati in numero inferiore di quelli previsti per ottenere l’idoneità, per cui sono stati tutti promossi senza sostenere la prova”. La Fials auspica quindi “che i Nas, i carabinieri e la Guardia di finanza intervengano per chiarire quanto è avvenuto, e se è stata garantita la trasparenza degli atti e se i soggetti interessati siano venuti a conoscenza di alcuni esiti delle preselezioni prima di far scattare l’esigenza di revocare il bando di concorso, e non di sospenderlo per il tempo necessario a chiarire le posizioni che sono state messe in campo”. Del potenziale danno economico che sarà causato alla pubblica amministrazione se ne occuperà la Corte dei Conti. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684