Ricerca nel Sud, si può: 4 milioni a sostegno di 14 progetti - QdS

Ricerca nel Sud, si può: 4 milioni a sostegno di 14 progetti

redazione

Ricerca nel Sud, si può: 4 milioni a sostegno di 14 progetti

giovedì 23 Maggio 2019 - 00:05
Ricerca nel Sud, si può: 4 milioni a sostegno di 14 progetti

Selezionati ricercatori under 35 nell’ambito del bando promosso dalla Fondazione con il Sud. Il presidente Borgomeo: “Opportunità per il territorio che torna a richiamare le migliori menti”

ROMA – Quattro milioni di euro di risorse private a sostegno di 14 progetti di ricerca in atenei e in centri di eccellenza del Mezzogiorno: è quanto ha fatto la Fondazione Con il Sud con un pacchetto di risorse che vedono al primo posto la Puglia, con sette proposte selezionate, seguita da Sardegna, Campania, Calabria e Sicilia.

I ricercatori, di cui tre stranieri (provenienti dal Giappone, Brasile e Ecuador, con una età media di 35 anni) sono il prodotto della selezione della quinta edizione del bando sul capitale umano ad alta qualificazione ‘Brains to South’, promosso da Fondazione “con l’obiettivo di attrarre’ giovani scienziati nei centri di ricerca e nei dipartimenti universitari del meridione, anche nell’ottica di sviluppare e potenziare carriere indipendenti e rafforzare le relazioni scientifiche internazionali”.

Dei 14 progetti selezionati quattro fanno capo al settore ambiente (per un totale di circa 1,1 milioni assegnati), cinque all’area medicina (1,3 milioni di euro) e cinque al settore tecnico-ingegneristico (1,6 milioni di euro). Complesse le tematiche affrontate: si va dallo sviluppo di un muscolo artificiale 3D interamente in vitro per il contrasto alla distrofia muscolare, allo studio del prototipo di una nuova macchina Pet con ridotte radiazioni per i pazienti per la rilevazione precoce dei tumori, dalla creazione della prima biobanca italiana per analizzare i disturbi da uso di sostanze e porre le basi per trattamenti personalizzati, alla ricerca per ottimizzare lo scavo meccanizzato delle gallerie per l’infrastrutturazione dell’appennino meridionale.

C’è poi il progetto per il monitoraggio più accurato dei fenomeni di cambiamento globale della superficie terrestre attraverso l’integrazione di diverse metodologie per il telerilevamento. Di particolare interesse anche la ricerca per la riduzione dell’impatto degli inquinanti nello smaltimento delle marmitte, favorendo al contempo il recupero di metalli preziosi, così come lo studio per individuare nuovi obiettivi terapeutici per l’osteoartrite, malattia disabilitante che colpisce prevalentemente la popolazione del Sud.
Come detto, la Puglia è la regione con il maggior numero di progetti selezionati e risorse conferite (cinque su Bari e due su Lecce per oltre 2,1 milioni di euro); segue la Sardegna con tre proposte che interessano l’Università di Cagliari. Infine, due progetti saranno realizzati in Campania, esattamente a Napoli, uno in Calabria a Catanzaro e uno in Sicilia a Palermo.

“A fronte del buon esito dei Bandi precedenti – afferma Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud – siamo contenti che anche i curricula e i progetti selezionati per Brains to South 2018 esprimano caratteristiche di particolare originalità e di elevata qualità accademica. Si tratta di un’importante opportunità per i ricercatori, che hanno la responsabilità diretta del progetto, ma anche dei ricentri di ricerca ospitanti, che potranno implementare gli investimenti sia sul piano della strumentazione, che delle risorse umane e dei materiali di consumo”.

“Più in generale – conclude Borgomeo – è un’opportunità per il nostro Sud, per i territori che tornano a ‘richiamare’. L’obiettivo non è contrastare la fuga di ‘cervelli’, ma attrarre le menti migliori al Sud. È questo il significato del Bando e la visione che portiamo avanti attraverso le varie iniziative della Fondazione”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684