Rifiuti, da Augusta a Siracusa in provincia si rischia il caos - QdS

Rifiuti, da Augusta a Siracusa in provincia si rischia il caos

Luigi Solarino

Rifiuti, da Augusta a Siracusa in provincia si rischia il caos

martedì 14 Giugno 2022 - 10:19

Nella frazione balneare di Agnone torna l’incubo discariche abusive e nel capoluogo è scontro tra Regione e Comune. Il sindaco Italia: “A portare fuori i rifiuti siano le città che non differenziano”

SIRACUSA – Scontro tra il Comune di Siracusa e la Regione Siciliana sull’emergenza rifiuti. Infatti l’assessore regionale all’Energia e ai servizi di pubblica utilità, Daniela Baglieri, relativamente alla situazione critica dei rifiuti nella Sicilia orientale, ha diffidato una serie di Srr (Società per la Regolamentazione del servizio di gestione Rifiuti) tra cui figura anche quella di Siracusa Provincia.

Per la Sicilia orientale rimane solo il trasporti fuori regione

“Diffidiamo le Srr di Caltanissetta Provincia sud, Catania Area Metropolitana, Catania Provincia nord, Messina Area Metropolitana, Messina Provincia, Messina Isole e Siracusa Provincia – ha affermato l’assessore Baglieri – per individuare idonee soluzioni per la definizione delle procedure per il trasporto fuori Regione del rifiuto indifferenziato prodotto nei loro ambiti, avvertendo che si procederà alla proposta di commissariamento in caso di ulteriore inerzia”.

Si diffida anche la Sicula Trasporti SpA (di Lentini) – aggiunge l’assessore regionale all’Energia – perché assicuri la massima operatività consentita al fine di garantire un regolare servizio di raccolta dei rifiuti, eliminando così le criticità emerse nei vari comuni, nonché ad individuare anche soluzioni utili per il conferimento al di fuori della Regione dei prodotti decadenti dalle lavorazioni del proprio impianto”.

In precedenza il primo cittadino di Siracusa, Francesco Italia, sul problema rifiuti aveva dichiarato: “Le recenti dichiarazioni dell’assessore Baglieri non sembrano risolutive per i sindaci e i cittadini di quei territori che stanno affrontando un’emergenza senza precedenti in tema di spazi per il conferimento dei rifiuti indifferenziati. Esse appaiono particolarmente stridenti là dove si prova a scaricare la responsabilità su altri”.

Le gare per i rifiuti all’estero sono andate deserte

“Nell’ultimo quinquennio, la maggior parte dei comuni ha invertito la rotta in tema di raccolta differenziata raggiungendo percentuali considerevoli – aggiunge Italia – . Cosa hanno prodotto i commissari delle Srr scelti e nominati dalla Regione Siciliana in questi due anni? Poco o nulla. E certo non per colpa dei sindaci! Come l’assessore Baglieri dovrebbe sapere, le gare effettuate da alcune Srr per portare i rifiuti all’estero sono andate tristemente deserte. Se è vero che, come l’assessore sostiene, esistono spazi sufficienti per garantire il 35% di conferimento dei rifiuti indifferenziati negli impianti siciliani esistenti, qualcuno dovrà spiegare ai cittadini delle province di Messina, Siracusa e Catania perché la discarica di Sicula Trasporti è congestionata, per lo più a causa dei rifiuti del comune di Catania che in questi anni ha fatto nulla o poco più di nulla in tema di differenziata”.

“A mio avviso, – prosegue – dovrebbe essere il Comune di Catania a conferire i rifiuti al di fuori della regione, liberando gli spazi per i cittadini di quelle comunità che da anni differenziano. Appare peraltro davvero surreale ed inverosimile che il direttore del Dipartimento rifiuti autorizzi quei conferimenti che, il giorno dopo, il direttore di un altro dipartimento blocca”.

“Ritengo assolutamente ingiusto – conclude il primo cittadino – che i nostri concittadini, passati in questi anni dall’1,5 a più del 50 per cento di raccolta differenziata, debbano continuare a svegliarsi, nel pieno di una stagione turistica di grande richiamo, con la città disseminata di rifiuti. Siamo in emergenza e temo che la Regione non ne abbia ancora realmente compreso l’entità e le conseguenze”.

Anche ad Augusta, l’emergenza rifiuti inizia a farsi sentire. Con l’arrivo della stagione estiva, infatti, si è ripresentato, puntuale, il problema delle discariche abusive. L’area più colpita dal fenomeno è la frazione balneare megarese di Agnone, ma il problema non risparmia altre zone, prima tra tutte il parco dell’hangar di Augusta. L’associazione Marilighea ha denunciato ai vigili urbani la presenza nell’area di una grande discarica abusiva, già segnalata due mesi addietro. Ma ancora, sul fronte, nulla sembra muoversi.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684