Rifiuti da apparecchiature elettroniche, ecco perché è importante smaltirli bene - QdS

Rifiuti da apparecchiature elettroniche, ecco perché è importante smaltirli bene

redazione

Rifiuti da apparecchiature elettroniche, ecco perché è importante smaltirli bene

sabato 24 Aprile 2021 - 00:00

Per comprendere l'etimologia della parola Raee, cerchiamo di capire da dove deriva

Per comprendere l’etimologia della parola Raee, cerchiamo di capire da dove deriva: la sigla Raee sta ad indicare Rifiuti da Apparecchiature elettriche ed elettroniche e deriva dall’acronimo inglese Weee (o E-Waste = Waste of electric and electronic equipment). Questi rifiuti particolari non sono altro che apparecchi elettronici guasti e inutilizzati di cui il proprietario vuole disfarsi.

Vengono suddivisi in categorie differenti in base al loro utilizzo ed è semplice riconoscerli grazie al segno che li contraddistingue. Inoltre, si suddividono in domestici e professionali, a seconda che siano originati da nuclei domestici o da attività commerciali o industriali.

Come avviene lo smaltimento dei Raee?
Essendo dei rifiuti particolari , non possono né essere smaltiti nelle discariche, né essere riciclati per nuovi utilizzi; per questi rifiuti è prevista una raccolta differenziata, infatti per ognuno di loro vi è un cassonetto adatto: bisogna portarli in una delle isole ecologiche comunali attrezzate per lo smaltimento di questi e da qui verranno poi inviati a impianti di trattamento che eviteranno la dispersione delle sostanze inquinanti e permetteranno poi il riciclo delle materie prime.

Cosa succede ai vecchi apparecchi?
Tutti i rifiuti elettronici vengono trattati seguendo le più rigorose normative ambientali. Da questi rifiuti nascono poi nuovi prodotti : metallo, vetro, plastica ed altre materie prime. Grazie alla corretta gestione dei Raee nel 2020 sono state smaltite più di 365.000 tonnellate di apparecchi!

Perché è così importante smaltire bene i raee?
Queste apparecchiature, destinate allo smaltimento, non vengono depositate in discarica o in natura , ragion per cui si riduce notevolmente lo sfruttamento dei giacimenti di materie prime, dunque è semplice capire qual è l’obiettivo finale….Il motivo principale per cui tutti dovremmo liberarci di questi apparecchi in modo corretto è legato alla salute di tutti, ed è la salvaguardia dell’ambiente!

Monica Sorce
V A Scienze Umane
Liceo “Vincenzo Linares”

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684