Rifiuti, Srr Catania Nord verso il bando per l’export - QdS

Rifiuti, Srr Catania Nord verso il bando per l’export

redazione

Rifiuti, Srr Catania Nord verso il bando per l’export

Gabriele D'Amico  |
giovedì 09 Giugno 2022 - 09:17

Rischio di una nuova emergenza. Il sindaco di Acireale: "La Regione ha garantito la copertura degli ulteriori costi per l’invio fuori dall’Isola, ma la soluzione non è sostenibile nel lungo periodo"

ACIREALE – L’hinterland catanese è ancora alle prese con la problematica della spazzatura. Nonostante l’emergenza sembrerebbe essere rientrata grazie ad una nota del dipartimento Acqua e rifiuti della Regione Siciliana, a firma del dirigente generale Calogero Foti, che ha permesso di sbloccare i conferimenti presso la discarica di proprietà della Sicula trasporti, la Srr Catania provincia nord si sta attrezzando per spedire i rifiuti oltre lo Stretto. Anche perché la nota regionale ha validità solamente per tre mesi.

“Ho visto la nota che è stata emanata dal direttore Foti – dichiara al Quotidiano di Sicilia il sindaco di Acireale, Stefano Alì – e per 90 giorni ha fatto un’ordinanza a due impianti per accogliere circa 8.000 tonnellate a settimana mentre per 15 giorni per fare accogliere a un terzo 1.500 tonnellate a settimana. Se dovessero essere sufficienti non lo saprei: so che Catania fa 350 tonnellate al giorno ma non ho il dato di tutta la Sicilia orientale. Se lui pensa che questi siano quantitativi sufficienti a scongiurare il problema probabilmente è così. Almeno per 90 giorni”.

Per 90 giorni emergenza rifiuti scongiurata

E dopo questi 90 giorni la Srr Catania provincia nord dovrà farsi trovare preparata con un piano b per il conferimento dei rifiuti indifferenziati che produce. Il piano b pensato sarebbe quello dell’invio dei rifiuti oltre i confini regionali, una soluzione paventata da oltre un anno ma che nessuno ancora ha attuato. “Faremo un bando per l’export dei rifiuti – continua il primo cittadino acese – per riuscire a conferire l’indifferenziato in quanto la Regione ha garantito la copertura degli ulteriori costi”.

La Srr Catania Nord vuole inviare i rifiuti fuori regione

Insomma, la Srr che comprende i comuni dell’hinterland catanese prova a fare quello in cui non è riuscita la Srr Catania area metropolitana, che è stata una delle prime Società di regolamentazione dei rifiuti siciliane a pubblicare il bando per l’export che tuttavia è andato deserto. “Questa gara – spiega il sindaco Alì – è un modo per trovare una soluzione all’emergenza rifiuti più sul medio termine. Sempre sperando che ci siano ditte interessate a eseguire questo servizio”. Nonostante questa sia la strada individuata per la risoluzione dell’emergenza, si sa che non potrà essere sostenuta a lungo.

Per l’invio dei rifiuti la Sicula trasporti parlava di 400 euro a tonnellata

“Questa soluzione non può chiaramente essere sostenibile sul lungo periodo in quanto ha un costo significativo. La Sicula trasporti parlava di 400 euro a tonnellata se avesse dovuto occuparsene lei”. Una spesa troppo onerosa per essere affrontata dalle sempre più vuote casse comunali degli Enti etnei e che quindi dovrà essere coperta con un inevitabile aumento della Tari. A meno che non intervenga in aiuto la Regione.
“Nell’ultima riunione a cui ho partecipato, venerdì scorso, l’assessore regionale e il dirigente del dipartimento Acqua e rifiuti hanno detto che ci sono disponibili 42 milioni di euro. Ci dovrebbero essere quindi i fondi, anche perché c’è pure una delibera di Giunta che li impegna”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684