Bollette, accordo di prezzo bloccato salva un bar di 160 anni - QdS

Bollette, accordo di prezzo bloccato salva un bar di 160 anni: “Ma da ottobre rischiamo tutti”

Michele Sardo

Bollette, accordo di prezzo bloccato salva un bar di 160 anni: “Ma da ottobre rischiamo tutti”

Michele Sardo  |
giovedì 06 Ottobre 2022 - 20:18

Riccardo Spinnato, titolare della storica attività a Palermo: "Abbiamo acquistato macchinari a risparmio energetico, ma solo i Governi possono aiutarci"

Il 1860 è l’anno dell’unificazione dell’Italia ma è anche l’anno in cui nasceva in via Principe di Belmonte a Palermo il Caffè Spinnato. Anche l’antico Bar del salotto bene della città, che vanta tre negozi a Palermo e una sessantina di impiegati, sta subendo pericolosamente la crisi.

Dopo aver superato con grandi sacrifici la pandemia, Riccardo Spinnato e la sua famiglia si ritrovano a fronteggiare una nuova criticità, ovvero il rincaro “vertiginoso” delle bollette di energia elettrica e gas: “Dopo il covid dovevamo cercare di capire come riprenderci e invece ci siamo ritrovati a risolvere un altro enorme problema. Noi fortunatamente abbiamo fatto un accordo di prezzo bloccato – spiega l’imprenditore palermitano a qds.it – e fino al mese scorso siamo stati, tra virgolette, tutelati. Da questo mese iniziano i problemi. Non abbiamo voluto aumentare i prezzi post covid – racconta – ma abbiamo cercato di stringere i denti noi. E’ chiaro che se aumentano le materie prime e il costo dell’energia non possiamo più farcela“.

Rincari enormi per chi ha tariffe a consumo

Non tutti i commercianti, purtroppo, sono stati previgenti come Spinnato che ha stipulato un contratto di energia a tariffa fissa, anche se a scadenza. Chi ha scelto la tariffa a consumo ha già ricevuto pesanti “mazzate” e sono tanti gli imprenditori che stanno pensando di chiudere la saracinesca. Qualcuno lo ha già fatto. “In questo momento sembra di vivere in un film – dichiara Spinnato -. Capisco i colleghi che hanno annunciato di chiudere perché la matematica non è un’opinione. Se i costi non sono più alti dei ricavi è inutile rimanere aperti. Tra l’altro nella ristorazione il consumo di energia elettrica è impressionante perché ci sono frigoriferi, macchinari, climatizzatori… Anche prima si spendeva tanto, ma con i nuovi rincari la situazione è diventata insostenibile“.

Cosa fare per non fallire?

Per fronteggiare la situazione e quindi i nuovi rincari – spiega Riccardo Spinnato – si può fare poco. Noi stiamo provando ad acquistare macchinari a risparmio energetico ma non basterà con queste bollette. Gli unici che possono davvero fare qualcosa sono i Governi, perché il singolo imprenditore ha poco da fare. Non si possono eliminare frigoriferi o altri macchinari. Nel settore della ristorazione è impossibile“.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001