Rischio povertà, Busetta, "Ripartire da turismo e Zes" - QdS

Rischio povertà, Busetta, “Ripartire da turismo e Zes”

web-dr

Rischio povertà, Busetta, “Ripartire da turismo e Zes”

web-dr |
mercoledì 10 Febbraio 2021 - 06:10

Tasso al 41,4% secondo i recenti dati Eurostat, e con l’esclusione sociale l’isola sale al 48,7%: “le Zes, un volano di crescita” secondo il professor Pietro Busetta presidente dell’Isesst

La Sicilia e
la Campania sono le regioni europee che registrano il più alto tasso di rischio
povertà
di tutto il vecchio continente. I dati Eurostat, che
si riferiscono al 2019 (periodo pre Covid), evidenziano il contesto allarmante dell’isola:
gli individui che hanno un reddito disponibile inferiore al 50% di quello
mediano nazionale dopo i trasferimenti sociali sono, in Sicilia, il 41,4% della
popolazione (era il 40,7% nel 2018), seguita dalla Campania con il 41,2%, in
calo sul 2018.

Guardando ai soggetti a rischio di esclusione sociale – che comprende chi vive in famiglie a bassa intensità di lavoro e chi ha problemi di deprivazione materiale – per la Sicilia la percentuale sale al 48,7% a fronte del 49,7% della Campania, dato record nell’Unione. In Ue la media per il rischio di povertà ed esclusione sociale è del 21,4%. E’ evidente, dunque, che il dato regionale italiano risente delle ampie differenze territoriali di reddito nel nostro Paese. In tal senso, come evidenziano i dati, le regioni del nord Italia hanno generalmente un tasso che si aggira al 14%: la Valle d’Aosta e il Veneto, in particolare, rispettivamente all’8,1% e all’11,1% registrano le migliori percentuali di rischio povertà o esclusione sociale.

Un quadro piuttosto allarmante che preoccupa gli esperti, come
l’economista Pietro Busetta – presidente dell’Istituto Esperti per lo
studio del Territorio (ISESST) di Palermo – che ai microfoni di Qds.it ha
affrontato il tema indagandone gli aspetti più specifici e fondativi.

Pietro Busetta

Professor Busetta, i dati Eurostat ripropongono quella “Questione Meridionale”
tanto cara a Gaetano Salvemini. Come leggere questo profondo divario tra nord e
sud?

“Questi dati non mi stupiscono, tuttavia vanno compresi e contestualizzati: in Sicilia vivono circa 5 milioni di abitanti, e meno di un milione e mezzo ha un lavoro (anti-covid). Ciò significa che lavora solo 1/4, a dispetto del Veneto che vanta un occupato ogni due persone.
Per raggiungere quei numeri avremmo bisogno di una cifra da capogiro: 900.000 posti di lavoro.

In Sicilia, in media, le famiglie contano solo su uno stipendio e quando non c’è la povertà è immediatamente acquisita. Questi dati allarmanti andrebbero sottoposti al governo regionale, che intanto continua ad operare in un clima di neutralità…”

Come progettare e pianificare una ripresa futura?

“Innanzitutto dovremmo rivolgere lo sguardo ai patterns europei come Irlanda, Polonia e Ungheria, che hanno affrontato problemi analoghi ai nostri. Questi Paesi hanno investito nel settore manifatturiero esterno, attraendo nuovi investitori esteri. In questo senso, le ZES, le Zone Economiche Speciali – come parchi industriali, zone di impresa urbana, zone di libero scambio ecc. [n.d.r.] – rappresentano un volano di crescita per il nostro Paese. Le ZES stanno partendo anche nel Mezzogiorno, seppur in Sicilia stentino a decollare”.

E se dovesse tracciare lei una direzione, in quale settore investirebbe? “Personalmente darei peso maggiore all’industria turistica, garantendo facilitazioni amministrative e sulle imposte, guardando a quei luoghi d’insediamento delle grandi catene internazionali.

Inoltre occorrerebbe sfruttare la posizione logistica del Mediterraneo: pensiamo (all’inquinato) porto di Augusta, concesso proprio ieri dall’Italia alla Ocean Viking – a bordo 422 migranti, di cui 8 col Covid [n.d.r.] – per l’approdo. Non sarebbe meglio sfruttarne appieno le potenzialità?
Pensiamo alle navi cargo che da Suez sbarcano a Rotterdam, quando invece potrebbero farlo in Sicilia: ma per questo occorrerebbe un filo diretto Augusta-Salerno (da qui partono i treni ad alta velocità), che porti fin su a Berlino”.

Gioacchino Lepre

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684