Ruffini, "Superbonus 110% valido solo per i condomini" - QdS

Ruffini, “Superbonus 110% valido solo per i condomini”

Patrizia Penna

Ruffini, “Superbonus 110% valido solo per i condomini”

giovedì 19 Novembre 2020 - 00:00
Ruffini, “Superbonus 110% valido solo per i condomini”

I chiarimenti del direttore dell’Agenzia delle Entrate: “Irrilevante mera detenzione degli immobili”. “Normativa troppo complessa? Era necessario per evitare abusi”. E annuncia nuova circolare esplicativa: “In arrivo chiarimenti anche su asseverazioni e polizze assicurative”

ROMA – Il Superbonus del 110% spetta “per gli interventi realizzati sulle parti comuni di un edificio in condominio” e invece sono “esclusi quelli realizzati su edifici composti da più unità immobiliari di un unico proprietario o di comproprietari”. Lo ha precisato il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini nel corso di un’audizione alla Commissione bicamerale sull’Anagrafe Tributaria.

Ruffini ha precisato che “ai fini della costituzione del condominio risulta irrilevante la mera detenzione degli immobili costituenti un edificio, essendo, invece, necessario avere riguardo alla proprietà degli stessi”.

Quindi, ha esemplificato, “se l’unico proprietario di tutte le unità immobiliari di un edificio concede in locazione o in comodato tutte o alcune delle predette unità immobiliari a più soggetti (detentori), non si costituisce un condominio e di conseguenza non è possibile fruire del Superbonus”.

Al contrario “se le unità immobiliari di un edificio appartenenti a diversi proprietari sono concesse in locazione o in comodato ad un unico soggetto (detentore), restando ferma la costituzione del condominio, è possibile fruire del Superbonus”.

Ruffini ha annunciato che è in arrivo una nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate per fornire chiarimenti sull’agevolazione. “Per alcune delle richieste di chiarimenti formulate dalla Commissione – ha spiegato Ruffini – potranno essere fornite risposte più esaurienti in un momento successivo, essendo necessari degli approfondimenti, anche attraverso il coinvolgimento di altre Amministrazioni” ha detto “Si tratta, in particolare, di questioni che involgono aspetti non esclusivamente fiscali (come, ad esempio, le asseverazioni o le polizze assicurative)”.

“In ogni caso, sempre in materia di Superbonus, a breve l’Agenzia fornirà ulteriori chiarimenti con la pubblicazione di una nuova circolare, nella quale saranno trattate anche alcune delle tematiche affrontate in questa sede”, ha annunciato.

La nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate sul Superbonus del 110% arriverà “in una data che io immagino prossima”, quindi “cerchiamo di mettere comunque questa settimana un punto su quello che è arrivato e nelle prossime settimane, spero poche, credo di poter firmare la prossima circolare”. Lo ha detto il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini nel corso di un’audizione alla Commissione bicamerale sull’Anagrafe Tributaria.

“Per una circolare l’elaborazione può essere velocissima o meno a seconda di quando si decide che l’acqua si sia fermata”, ha spiegato Ruffini “perché le continue domande che arrivano da privati e istituzioni impediscono di mettere il punto o la parola fine alla circolare”.

Ruffini è intervenuto infine sulla complessità del Superbonus, fornendo in tal senso una motivazione ben precisa: quella di evitare ogni abuso dell’agevolazione. “La complessità riguarda la nostra normativa fiscale nel complesso, non solo il decreto rilancio o il Superbonus. Non si può semplificare quello che nasce complesso si può cercare di renderlo più chiaro”.

Per il Superbonus in particolare, ha aggiunto, “la complessità è dettata dall’esigenza di evitare abusi sull’intervento normativo, in un anno come questo in cui siamo chiamati alla lealtà reciproca. Ma quella è la norma è quella viene interpretata”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684