Sara Pegoraro, la modella muore dopo malore improvviso a 26 anni

Modella muore dopo malore improvviso a 26 anni

web-mp

Modella muore dopo malore improvviso a 26 anni

web-mp |
martedì 28 Giugno 2022 - 20:17

Ignote, al momento, le cause della morte: si è trattato di un malore improvviso, ma non sono stati resi noti i dettagli dell’accaduto

Treviso sotto shock per la morte della modella Sara Pegoraro, una giovane di 26 anni stroncata da un malore improvviso. Per far chiarezza sul decesso della modella, la Procura ha aperto un fascicolo per morte in conseguenza di altro reato.

Chi era Sara Pegoraro

Sara Pegoraro. Giovane e bella, tutta la vita davanti. Amante dei tatuaggi i viaggi e la moto da enduro. Solo lo scorso 5 giugno Sara aveva festeggiato il compleanno: nessuno poteva immaginare che sarebbe stato l’ultimo.

Come è morta Sara Pegoraro

Un malore improvviso, nella notte tra venerdì e sabato, ha messo fine ai sogni e alle aspirazioni di una ragazza trevigiana di 26 anni, Sara Pegoraro, meravigliosa modella dal sorriso dolce e dal corpo statuario.

La tragedia si è consumata nell’abitazione in cui la donna viveva con la madre che l’ha trovata esanime, a Treviso. Purtroppo inutili i soccorsi lanciati al 118. Venerdì mattina Sara era stata colta da un malore nei pressi del supermercato Aldi di viale della Repubblica, a Villorba, ed era finita in un fossato: a soccorrerla sono intervenuti medico e infermieri del Suem 118 e una pattuglia dei carabinieri di Treviso che erano stati allertati. La 26enne è stata trasportata al pronto soccorso del Ca’ Foncello per le cure del caso.

L’inchiesta

La Procura di Treviso non ha ancora firmato il nullaosta per restituire la salma alla famiglia ma è stato aperto un fascicolo d’inchiesta, per ora senza indagati, per il reato di “morte come conseguenza di altro reato”. Gli inquirenti hanno chiesto vengano svolti degli esami ematici e non si esclude possa essere ordinata un’autopsia. Il sospetto è che la ragazza possa aver ricevuto da qualcuno sostanze che potrebbero indirettamente averne causato la morte.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684