Scalo di Birgi, verso un rinnovamento green - QdS

Scalo di Birgi, verso un rinnovamento green

Pietro Vultaggio

Scalo di Birgi, verso un rinnovamento green

venerdì 11 Marzo 2022 - 08:44

Ombra, presidente Airgest, al QdS: “Ammodernamento degli impianti grazie a partenariato pubblico-provato”. Diminuzione dei consumi di energia elettrica del 24% all’anno

TRAPANI – L’aeroporto civile Vincenzo Florio di Trapani-Birgi va verso un rinnovamento green, con un efficientamento di tutto il sistema, eliminando gli sprechi, le inefficienze e migliorando il conto economico.

La società di gestione Airgest ha avviato con la società Engie Servizi SpA un accordo per l’inizio di un cantiere di lavoro che riguarderà impianti di illuminazione, climatizzazione estiva ed invernale e produzione di acqua calda sanitaria. Gli interventi previsti garantiranno una diminuzione dei consumi di energia elettrica del 24% all’anno e un taglio delle emissioni di Co2 di 400 tonnellate, pari a 163 auto circolanti in meno in un anno. In particolare, sul tetto del terminal sarà installato un impianto fotovoltaico di 300 mq, suddiviso in 143 moduli, con una potenza di 50kWp, che produrrà circa 75.000 kWh/anno di energia elettrica, destinata all’autoconsumo dell’aerostazione. Lampade di nuova generazione a led sostituiranno 908 apparecchi illuminotecnici interni e 172 esterni presenti nel terminal e 52 proiettori collocati sulle sette torri faro adibite all’illuminazione del piazzale degli aeromobili. I nuovi punti luce avranno un ciclo di vita fino a dieci volte superiore alle lampade a fluorescenza e ridurranno i costi di manutenzione dell’80%. Anche gli impianti termici saranno riqualificati nell’ottica dell’efficienza energetica: verranno installate due pompe di calore polivalenti, destinate sia al riscaldamento che alla climatizzazione estiva del terminal, oltre che alla produzione di acqua calda sanitaria, in sostituzione dell’attuale caldaia a gasolio. Attenzione è dedicata anche alla mobilità elettrica e, sempre in una ottica di salvaguardia ambientale, saranno installate due stazioni di ricarica per veicoli elettrici ed ibridi.

Abbiamo contattato Salvatore Ombra, presidente di Airgest, per un commento: “Si è attivato un PPP – Partenariato Pubblico Privato secondo la procedura prevista dal codice degli appalti. Sostanzialmente il progetto di ammodernamento impianti, sviluppato dal privato proponente, viene posto a gara. L’aggiudicatario, nel nostro caso, è la stessa società proponente Engie e che sosterrà anche l’intero investimento, in Project financing. In cambio riceve, dalla committente Airgest, in concessione tutti gli impianti oggetto di ammodernamento per dodici anni ed il pagamento di un canone annuo comprensivo di tutti i costi di acquisizione dell’energia e della manutenzione. Con questa operazione, grazie ai risparmi economici conseguiti con i risparmi energetici previsti, si riescono a ripagare gli investimenti, i costi energetici e la manutenzione, oltre un giusto profitto. Davvero una eccellente soluzione. Fin dal mio insediamento – conclude Ombra – il cda si è attivato per innovare la struttura, ormai ferma alla ristrutturazione del 2007, al fine di migliorare l’ambiente e il comfort dei passeggeri”.

La gestione e riqualificazione degli impianti, sia termici che elettrici, dell’Aeroporto di Trapani Birgi consentirà quindi di intervenire a 360° nel miglioramento dell’efficienza energetica della struttura.
“Il progetto coinvolgerà i sistemi di produzione, distribuzione e consumo dell’energia e permetterà l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili – afferma Fabrizio di Battista, direttore Area-Adriatica Sud di Engie Italia – , garantendo un abbattimento delle emissioni di Co2 e una maggiore sicurezza dell’intero sistema impiantistico. Questo progetto, oltre che un esempio concreto dell’impegno della società nell’accelerare un’economia carbon neutral del paese, conferma la volontà di investire sul territorio Siciliano, per il suo sviluppo”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684