Sciopero aerei ottobre 2022: data, orari voli e compagnie aeree

Scioperi aerei, sabato 1 ottobre: stop ai voli Ryanair, Easyjet, Volotea e Vueling

web-mp

Scioperi aerei, sabato 1 ottobre: stop ai voli Ryanair, Easyjet, Volotea e Vueling

web-mp |
martedì 20 Settembre 2022 - 12:05

Voli a rischio per l'agitazione indetta da Filt-Cgil e Uiltrasporti: piloti e assistenti di volo della low cost irlandese incroceranno le braccia per 24 ore

Ancora sciopero aerei. Proseguono i disagi per chi viaggia in aereo. Sabato 1 ottobre, infatti, si fermeranno i piloti e gli assistenti di volo delle compagnie aeree Ryanair e Vueling. A comunicare lo stop è Filt-Cgil e Uiltrasporti, spiegando che “gli scioperi saranno rispettivamente di 24 ore per Ryanair e di 4 ore, dalle ore 13 alle ore 17, per Vueling.

Ad annunciare l’agitazione sono Filt-Cgil e Uiltrasporti, spiegando che “gli scioperi saranno rispettivamente di 24 ore per Ryanair e di 4 oreper Vueling (dalle 13 alle 17)”. 

Per quel giorno Ryanair prevede 619 partenze dall’Italia, mentre nelle quattro ore per Vueling se ne contano una decina, coinvolgendo così complessivamente oltre 100mila passeggeri.

Già nel mese di luglio e di settembre, i lavoratori hanno inscenato la protesta.

I motivi dello sciopero di Ryanair e Vueling dell’1 ottobre

“La mobilitazione del primo ottobre – proseguono Filt Cgil e Uiltrasporti – riguarderà questa volta anche piloti e assistenti di volo di Vueling, compagnia del gruppo Iag (che include anche British Airways e Iberia). Infatti, dopo un’estate in cui il personale navigante della compagnia, dimostrando grande impegno e professionalità, ha volato al limite delle ore consentite dalla normativa, i lavoratori della compagnia spagnola hanno appreso dell’apertura, da parte di Vueling, di una procedura che prevede 17 esuberi tra i circa 120 assistenti di volo assunti nella base di Roma Fiumicino. Chiediamo alla compagnia un confronto costruttivo e trasparente con le organizzazioni realmente rappresentative dei lavoratori della compagnia al fine di evitare licenziamenti e trovare soluzioni che tutelino i naviganti del gruppo basati in Italia. È inoltre necessario affrontare con urgenza questioni non più differibili come il rispetto della normativa a tutela di maternità a paternità, ad esempio l’esonero del lavoro notturno per le madri con figli piccoli”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684