Scuola, arriva la stretta social sui prof: "Niente chat con studenti e genitori" - QdS

Scuola, arriva la stretta social sui prof: “Niente chat con studenti e genitori”

web-mp

Scuola, arriva la stretta social sui prof: “Niente chat con studenti e genitori”

web-mp |
mercoledì 20 Aprile 2022 - 09:31

L'associazione presidi del Lazio è al lavoro per revisionare il codice deontologico dei docenti e presto "la modifica" potrebbe riguardare le scuole di tutta Italia

Svolta nel mondo scuola. Stop ai “gruppi WhatsApp di classe”, amicizie Facebook tra studenti e professori, ma anche commenti che ledono le scuole su social network come Instagram o TikTok.

Una decisione che è stata adottata dall’Associazione nazionale presidi del Lazio attua la revisione del codice deontologico, la cui ultima versione risale al 2012. E le modifiche attuate, potrebbero diventare un esempio da riportate anche per tutte le altre scuole in Italia. La novità principale sarà il capitolo dedicato ai social network e alla comunicazione scuola-famiglia. Un passo atteso da tempo e da molti addetti ai lavori.

Basta chat con genitori e studenti

“Vanno evitate le chat con genitori e con studenti, se non per questioni di natura urgentissima comeuna gita che salta all’improvviso”, chiarisce Mario Rusconi, presidente dei presidi di Roma, al Corriere della Sera. “Vorremmo bandire i gruppi WhatsApp in cui i genitori chiedono perché il figlio ha preso 7 invece di 8”.

Le nuove regole vorrebbero porre fine anche a quei contenuti pubblicati sui social che “ledono l’immagine degli istituti scolastici”, spiega Rusconi.

Superato il confine sui social

“La critica va bene, ma non la diffamazione e anche chi mette like a questo tipo di contenuto è ritenuto dalla legge colpevole”. Per Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, “l’utilizzo sfrenato delle chat non porta a nulla di buono, le comunicazioni devono avere un carattere di ufficialità”. E’ lo stesso Giannelli a ricordare però i confini del codice: “Non ha un valore amministrativo, ma un valore etico e di prevenzione”.

Il nuovo regolamento potrebbe finire nel contratto di lavoro nazionale

Anche se l’Associazione nazionale dei presidi non esclude di presentare il nuovo codice all’Aran per inserirlo nel contratto di lavoro nazionale. Il codice è bocciato dalla Rete degli studenti medi: “Un parere poco utile e fuori dal tempo. Serve educare alla tecnologia, non disincentivarla”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684