Sequestrati due pescherecci di Mazara del Vallo - QdS

Sequestrati due pescherecci di Mazara del Vallo

redazione

Sequestrati due pescherecci di Mazara del Vallo

giovedì 03 Settembre 2020 - 00:00
Sequestrati due pescherecci di Mazara del Vallo

Il primo cittadino Quinci: “Siamo in continuo contatto con le autorità competenti”. I due motopesca sono stati fermati a circa 38 miglia a nord di Bengasi da una motovedetta

MAZARA DEL VALLO – La Marina Libica ha sequestrato alcuni pescherecci italiani nelle acque contese del golfo della Sirte.
I due pescherecci della marineria di Mazara del Vallo, l’Antartide e il Medinea, sono stati sequestrati dalle autorità libiche a circa 35 miglia a Nord di Bengasi. Altri due pescherecci, che navigano nelle vicinanze, sono riusciti a sfuggire alla cattura.
Di “grave abuso contro l’Italia” ha parlato il Questore della Camera e membro della Commissione Affari Esteri della Camera, Edmondo Cirielli, di FdI: “Visto che la Marina Italiana – scrive in una nota – viene utilizzata dal Governo giallorosso come servizio taxi di ausilio agli scafisti è normale che si verifichino questi abusi ai danni del popolo italiano”.

Cirielli ha sottolineato che purtroppo non è la prima volta che si verificano episodi del genere. “D’altronde – aggiunge Cirielli – invece di difendere la libertà di navigazione delle nostre navi e la libera circolazione nelle acque internazionali l’Esecutivo Pd-M5S continua a favoreggiare l’immigrazione clandestina mantenendo frontiere e porti aperti. E pensare che da anni riempiamo di soldi la Libia, segno che ormai l’Italia non conta veramente più nulla e che gli italiani sono alla mercé della pirateria e dei prepotenti di tutto il mondo. Il Governo italiano – conclude Cirielli – si adoperi per riportare in tempi rapidi i due pescherecci in Patria e per fare luce sui motivi che hanno portato al loro sequestro da parte delle autorità libiche”.
L’assessore regionale per la Pesca Mediterranea, Edy Bandiera ha assicurato: “Siamo in contatto con la Farnesina per seguire con la massima attenzione la vicenda”.

“Desidero inoltre esprimere – ha aggiunto – a nome del Governo Musumeci, assoluta vicinanza ai pescatori, ai loro familiari e agli armatori”.
Anche il sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci, ha espresso attraverso Facebook la sua preoccupazione per quanto accaduto: “Esprimiamo profonda preoccupazione per il sequestro dei pescherecci mazaresi Antartide e Medinea iscritti al compartimento marittimo di Mazara del Vallo”.

“I due motopesca – ha aggiunto – sono stati fermati a circa 38 miglia a nord di Bengasi da una motovedetta libica con a bordo militari che hanno intimato agli equipaggi di fermarsi e di seguirli fino al porto. Altri due pescherecci sarebbero riusciti a sfuggire alla cattura. Siamo in continuo contatto con le autorità competenti e seguiamo gli sviluppi della vicenda”.

Uila Pesca Sicilia: “Non si può lavorare senza certezze né tutele”

“Non si può lavorare, e lavorare in mare, senza certezze ne tutele. Gli equipaggi dell’Antartide e del Medinea, due pescherecci della Marineria di Mazara del Vallo, vengano immediatamente restituiti alle loro famiglie perché colpevoli solamente di avere cercato, tra mille rischi e fatiche, una onesta occasione di produrre reddito per se e i propri cari in un settore del Mediterraneo dove regna il caos come in tutto il territorio libico”. Lo afferma il segretario della Uila Pesca Sicilia, Tommaso Macaddino, che aggiunge: “La Uila Pesca esprime solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie, chiedendo un intervento efficace e rapido delle istituzioni italiane, a qualunque livello, perché i due equipaggi vengano liberati e siano finalmente assicurate garanzie alle nostre Marinerie impegnate in acque internazionali”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684