Le Regioni vogliono far sparire i colori, la Sicilia evita l'arancione? - QdS

Le Regioni vogliono far sparire i colori, la Sicilia evita l’arancione?

web-la

Le Regioni vogliono far sparire i colori, la Sicilia evita l’arancione?

web-la |
mercoledì 19 Gennaio 2022 - 23:41

È questa una delle proposte condivise dai governatori nel corso della conferenza delle Regioni. Unanime anche l'idea di rivedere il conteggio dei casi non calcolando gli asintomatici

E dunque dopo un anno potrebbe dire addio ai colori nell’era Covid, o limitarsi al solo mantenimento della zona rossa. È questa una delle proposte condivise dai governatori nel corso della conferenza delle Regioni. Unanime anche l’idea di rivedere il conteggio dei casi non calcolando gli asintomatici.

Le Regioni

Una delle considerazioni dei presidenti di Regione, a quanto si apprende, è che con il nuovo scenario non ci siano sostanziali differenze tra zona bianca, gialla e arancione.

Queste e altre questioni tecniche sono state discusse nel pomeriggio nel corso di un incontro con i tecnici del ministero della Salute, a cui hanno partecipato anche il direttore generale della Prevenzione Giovanni Rezza, il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli e il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro.

Il confronto

A quanto trapela sembra che un confronto sia in programma per la prossima settimana ma tra le Regioni c’è chi spinge per arrivare prima a un cambiamento, come il presidente della Valle D’Aosta che ha sottolineato come il passaggio alla zona rossa sarebbe inaccettabile e molto grave per la stagione sciistica.

Un’istanza che, a quanto si apprende, sarebbe stata presentata dal governatore proprio al presidente della Conferenza Massimiliano Fedriga per tentare una mediazione con il governo ed evitare l’imminente passaggio in zona rossa.

C’è la disponibilità ad un confronto e ci sarà un aggiornamento la prossima settimana con già un documento con le proposte definitive su cui poi lavorare.

Sulla possibilità di una revisione delle quarantene, si è fatto presente ai rappresentanti delle Regioni che nelle precedenti decisioni su questo tema si era presa in considerazione la letteratura scientifica che però al momento ancora non dà rassicurazioni e quindi occorre aspettare. 

I ricoveri

C’è invece una apertura sul fronte del conteggio dei ricoveri Covid, tema su cui le Regioni vorrebbero un cambio di passo. I tecnici del ministero si sono detti possibilisti nel recepire una proposta. Altro punto quello del contact tracing, da entrambi le parti è emersa la necessità di lavorare a delle soluzioni perché di fatto non è più possibile il tracciamento dei contatti.

E la Sicilia?

La Sicilia era (è) una delle candidate a passare in zona arancione già da lunedì. Ieri erano stati 8.133 i nuovi casi di Covid19 registrati su un totale di 46.517 tamponi processati. Il giorno precedente i nuovi positivi erano 8.606. Il tasso di positività scende al 18,5% (ieri era al 20%). L’isola è al nono posto per contagi. Gli attuali positivi sono 190.802 con un aumento di 6.664 casi. I guariti sono 1.426 mentre le vittime sono 43 e portano il totale dei decessi a 8.053.

I ricoverati in ospedale sono 1.556, 3 casi in meno rispetto a ieri; in terapia intensiva sono 170, lo stesso numero del giorno precedente. Ed è proprio per il numero dei ricoverati in terapia intensiva (che era oltre il 20%) la ragione dell’arancione probabile. Dopotutto, ben 125 comuni, nell’Isola, hanno restrizioni.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684