Sicurezza sul lavoro: scatta l’allarme rosso. Dopo un inizio di 2019 segnato dalle morti - QdS

Sicurezza sul lavoro: scatta l’allarme rosso. Dopo un inizio di 2019 segnato dalle morti

Pietro Vultaggio

Sicurezza sul lavoro: scatta l’allarme rosso. Dopo un inizio di 2019 segnato dalle morti

mercoledì 17 Aprile 2019 - 00:00
Sicurezza sul lavoro: scatta l’allarme rosso. Dopo un inizio di 2019 segnato dalle morti

AGRIGENTO – Il 2019 inizia con il piede sbagliato. La provincia si classifica quarta a livello nazionale per gli incidenti mortali sul lavoro con due decessi registrati nei primi due mesi dell’anno.

L’Osservatorio Vega Sicurezza sul lavoro ha analizzato i dati forniti dall’Inail, stilando una classifica nazionale sulla base del numero di morti e lavoratori. Nel territorio agrigentino, gli impiegati sono 115.956 e i due che hanno perso la vita rappresentano un dato rilevante, contando che in un territorio come Roma, dove gli operai occupati sono un 1.800.000 i decessi sono “solamente” sei. I dati sono preoccupanti e in crescita in tutto il Meridione.

“Un bilancio più che drammatico – ha commentato Mauro Rossato, presidente dell’Osservatorio Vega Sicurezza sul lavoro – per gli infortuni mortali. Nel 2018 si contano 1.133 vittime, ovvero 104 vittime in più del 2017. Sono 786 i decessi registrati in occasione di lavoro e 347 quelli in itinere. Un vero eccidio che fa rabbrividire perché rimanda ad una media di mortalità crudele di quasi cento persone al mese”.

“L’anno – hanno scritto Massimo Raso e Filippo Munda, segretari generali di Cgil e Filctem Agrigento – non poteva cominciare peggio: ancora morti sul lavoro. Ci troviamo di fronte a precise inosservanze di norme comportamentali o di deficienze strutturali. Occorre accrescere la cultura della sicurezza e aumentare i controlli e le ispezioni, per verificare che il rispetto delle regole non sia solo un fatto documentale e burocratico, ma corrisponda ad un effettivo investimento sulla sicurezza delle persone”.

“Come Cgil e Filctem – hanno concluso i segretari generali di Agrigento – gridiamo ancora più forte che su queste questioni occorre fare sul serio e non, come tutte le altre volte, che una volta calato il sipario tutto ritorna come prima, come nulla fosse. Non vogliamo altre morti, vogliamo lavorare per vivere e non per morire”.

Pietro Vultaggio

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684