Stalking con le pecore a imprenditore pastore rinviato a giudizio - QdS

Stalking con le pecore a imprenditore pastore rinviato a giudizio

redazione

Stalking con le pecore a imprenditore pastore rinviato a giudizio

domenica 15 Settembre 2019 - 03:00
Stalking con le pecore a imprenditore pastore rinviato a giudizio

La decisione del Gup del Tribunale di Gela. Il gregge avrebbe invaso i poderi e divorato le colture rendendole inutilizzabili

GELA (CL) – Per la prima volta, a Gela, un pastore è stato rinviato a giudizio con l’accusa di “stalking in danno di un imprenditore agricolo, per avere, con le proprie pecore, compiuto “atti persecutori reiterati”, tramite danneggiamenti, minacce, intimidazioni.

L’ha deciso ieri il gup del tribunale di Gela, Paolo Fiore, su richiesta del pm, Federica Scuderi, fissando la data del processo per il 4 maggio del prossimo anno. Sul banco degli imputati comparirà il pastore, conduttore dell’ovile, Maurizio Trubia, di 51 anni, marito della proprietaria del gregge, ma anche un suo collaboratore, il romeno, Stefan Dumitru, di 41 anni, che deve rispondere con lui di danneggiamento e pascolo abusivo.

Negli ultimi quattro anni, insieme, avrebbero causato danni per oltre 50 mila euro a un imprenditore agricolo, esponente locale di Confagricoltura, che, con una decina di contadini, ha trovato il coraggio di denunciare all’autorità giudiziaria le continue scorrerie di Trubia (già inquisito per estorsione ed associazione mafiosa), costituendosi parte civile ma subendo continue ritorsioni, tra cui l’aggressione, per fortuna senza conseguenze, ad opera di un branco di cani del pastore.

Il suo gregge, composto da un migliaio tra pecore e capre, avrebbe ripetutamente invaso i poderi nelle contrade Spina Santa, Passo di Piazza, Priolo, Valle Monacella e Piano Stella, divorando o rendendo inutilizzabili ai fini commerciali intere colture di orzo e frumento o le produzioni di vigneti, oliveti e frutteti.

Nei giorni scorsi sono scomparsi quintali di carrube pronte per la raccolta. Per paura, molti contadini svendono i terreni, altri li abbandonano. La Procura indaga anche su questo. I contadini chiedono più sicurezza nelle campagne ma pochissimi denunciano. Sindacati degli agricoltori, associazione antiracket e Comune di Gela, oggi, non si sono costituiti parte civile.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684