Stati generali delle parafarmacie, le proposte - QdS

Stati generali delle parafarmacie, le proposte

redazione

Stati generali delle parafarmacie, le proposte

martedì 30 Aprile 2019 - 05:00
Stati generali delle parafarmacie, le proposte

Le parafarmacie puntano alla creazione di ‘farmacie non convenzionate’ ovvero alla nascita di un sistema ‘a doppio binario’ di distribuzione del farmaco

ROMA – Le parafarmacie puntano alla creazione di ‘farmacie non convenzionate’ ovvero alla nascita di un sistema ‘a doppio binario’ di distribuzione del farmaco, dove accanto alle tradizionali farmacie convenzionate con il Servizio sanitario nazionale, nascerebbero quelle non convenzionate, in cui verrebbero dispensati tutti i farmaci, anche quelli con ricetta pagati direttamente dal cittadino. è la proposta ‘forte’ emersa dagli Stati generali delle parafarmacie che si sono tenuti ieri a Roma.

La farmacia non convenzionata – spiegano gli organizzatori – germoglierebbe dalla trasformazione delle attuali parafarmacie, ma con alcuni paletti sia nella proprietà (51% in capo a farmacisti) che nella distribuzione territoriale, in particolare con il divieto di apertura per le nuove farmacie non convenzionate nei piccoli comuni sede di farmacie sussidiate e distanza di 200 metri nelle altre sedi”.
Tutti i servizi, inoltre, – autoanalisi, prenotazioni di visite e diagnostica, elettrocardiogramma a distanza, previsti nella legge 153/2009 per le farmacie – dovrebbero essere estesi anche alla farmacia non convenzionata.

Dagli Stati generali – organizzati dalla Federazione nazionale parafarmacie italiane (Fnpi); Movimento nazionale liberi farmacisti (Mnlf), Confederazione unitaria libere parafarmacie italiane (Culpi) -sono emerse anche molte altre proposte come l’adozione da parte delle parafarmacie di alcune linee guida per il consiglio al paziente e misure per combattere l’abusivismo professionale e la consegna di farmaci anche senza la necessaria ricetta.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684