Teatro, Nicola Costa interpreta il Giuda di Gioacchino Palumbo - QdS

Teatro, Nicola Costa interpreta il Giuda di Gioacchino Palumbo

redazione web

Teatro, Nicola Costa interpreta il Giuda di Gioacchino Palumbo

martedì 18 Febbraio 2020 - 18:09
Teatro, Nicola Costa interpreta il Giuda di Gioacchino Palumbo

La controversa figura dell'Iscariota, l'apostolo che tradì Gesù, ispiratrice di molti scrittori, nella proposta del regista rappresentata nella Cappella Bonajuto di Catania. Una produzione del Teatro del Molo 2

“Che cosa ricavavo da tutto il mio penare, dal torturarmi il cuore? Mi interrogavo, interrogavo l’Eterno, l’Eterno taceva… “
“Giuda”, spettacolo dedicato alla controversa figura dell’apostolo che tradì Gesù, nella proposta del regista Gioacchino Palumbo e nell’interpretazione dell’attore Nicola Costa, sarà rappresentato nella Cappella Bonajuto di Catania, prodotto dal Teatro del Molo 2, in questo fine settimana.

Sarà replicato venerdì 21 e sabato 22 febbraio alle ore 21, e domanica 23 febbraio alle 19.

Il personaggio di Giuda ha ispirato, come sottolinea il regista, molti scrittori.

Jorge Luis Borges, ad esempio, ne parla nel racconto “Tre versioni di Giuda” (1944), che fa parte della raccolta “Finzioni”. L’autore argentino, che si dichiarava agnostico e la cui intera opera è attraversata dal dilemma della fede, tratta il tema col suo consueto, ironico gioco di rispecchiamenti, di nascondimenti letterariamente raffinati. Osservando la superficialità dei credenti che lo circondano, che dicono di credere ma non sembrano interessati all’esistenza di un mondo ultraterreno, Borges osservava : ” A me succede il contrario. Mi interessa e non ci credo”.

De Qincey, scriveva: “tutte le cose che la tradizione attribuisce a Giuda Iscariota sono false” (1857).

“Di Giuda Iscariota, o Sicariota – sottolinea il regista – hanno anche scritto, con accenti originali e passione letteraria, anche Jose Saramago, Amos Oz, Giuseppe Berto, capovolgendone la versione più conosciuta, raccontandoci invece di un discepolo che si sacrifica per il suo maestro, assumendosi la parte più ingrata e difficile. Il ‘Vangelo di Giuda’, di ispirazione gnostica, già nel secondo secolo ci dava dell’apostolo una versione profondamente diversa da quella che emerge nella tradizione dominante, nella quale Giuda Iscariota è considerato un traditore. Questo vangelo ci restituisce invece una visione della sua figura modulata su credenze, aspirazioni, motivazioni segrete e dottrine teologiche e cosmologiche tipiche del pensiero gnostico. Nel suo accorato e lucido narrare Giuda, un giovane rivoluzionario legato al movimento di liberazione degli zeloti, un gruppo clandestino che combatteva con determinazione la dominazione romana sulla terra di Israele, ci racconta la sua vita e il suo destino”.

Secondo Palumbo il suo vagare inquieto è ispirato dalla domanda che lo pervade e lo ossessiona, “se ci fosse davvero un eterno o non piuttosto un infinito vuoto”.

E questo vagabondaggio lo porterà ad incontrare il Rabbi Gesù, “di cui diventerà, sia pure attraverso non pochi dubbi e aspre difficoltà, uno dei discepoli più stretti, uno dei dodici apostoli: Giuda infatti seguirà il suo maestro senza mai rinunciare al suo ineludibile diritto di capire”.

Per Giuda, che scruta il suo maestro per intuirne le intenzioni più nascoste, “il Rabbi Gesù, col suo immenso potere carismatico, che gli derivano anche dalla autorevolezza dei suoi insegnamenti e dal clamore che suscitano i suoi miracoli, è l’unico in grado di far sollevare le genti della sua terra in una rivolta contro l’infamante dominio dei Romani: è questa la sua più segreta e più grande speranza”.

Insomma, Giuda non tradirà il suo maestro per cupidigia, per avidità di denaro, per trenta miseri denari, ma agirà per necessità, per un compito che gli viene “assegnato” e, sottolinea Gioacchino Palumbo, “per il quale si assume coscientemente tutte le terribili conseguenze che ne derivano. Nessuno, fra coloro che gli sono vicini, intuisce come lui la grandezza tormentata e la fragilità consapevole del messia, e ne asseconda i più segreti disegni”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684