Tra Cammarata e S. Giovanni Gemini si punta all’efficienza dei servizi locali - QdS

Tra Cammarata e S. Giovanni Gemini si punta all’efficienza dei servizi locali

Pietro Vultaggio

Tra Cammarata e S. Giovanni Gemini si punta all’efficienza dei servizi locali

martedì 07 Maggio 2019 - 00:05
Tra Cammarata e S. Giovanni Gemini si punta all’efficienza dei servizi locali

L’obiettivo dei due sindaci è razionalizzare il lavoro svolto per i cittadini, eliminando gli sprechi. Le strategie delle Amministrazioni comunali dopo il flop del referendum sulla fusione

AGRIGENTO – Nessuna fusione dei Comuni. San Giovanni Gemini e Cammarata resteranno due Enti indipendenti, poiché il quorum del 50% più uno non è stato raggiunto. I dati finali registrati del referendum sono stati del 25% e così hanno prevalso astensionismo e “No” dei cittadini.

“Sono estremamente rispettoso del risultato – afferma Carmelo Panepinto, sindaco di San Giovanni Gemini – perché il popolo è sovrano. Molti hanno parlato di referendum politicizzato, ma rappresenta l’espressione diretta delle persone. Adesso, perseguendo sempre i principi di efficienza ed economicità, possiamo rafforzare i momenti di collaborazione con il Comune di Cammarata. Eviteremo, per quanto possibile, lo sdoppiamento dei servizi”.

Visto l’esito negativo della consultazione e la vicinanza dei due paesi, le Amministrazioni andranno probabilmente verso l’accorpamento di alcuni servizi, evitando inutili sprechi. “Siamo due paesi unici e con culture diverse – dichiara Vincenzo Giambrone, sindaco di Cammarata – quindi bisogna salvaguardare le unicità territoriali. Cammarata è conosciuta per la produzione del formaggio, mentre San Gemini per il settore commerciale. Accorpando le diverse realtà, si perde l’appartenenza a un nome. Seppur con una ideologia contraria ho fatto di tutto per fare in modo che i cittadini votassero liberamente. In Consiglio comunale abbiamo votato la soluzione referendaria, dopo di che io mi sono totalmente estraniato, senza suggerire a nessuno come votare”.

I sostenitori del “Si” hanno avuto, come cavallo di battaglia i finanziamenti che sarebbero arrivati una volta fatta la fusione, ma come sottolineato da Giambrone “anche con l’unione non avremmo raggiunto il numero di abitanti necessario a ottenere i sussidi. Non possiamo pensare a due centri storici da ristrutturare. Con un comune più grosso ci sarebbero stati maggiori problemi”.

“In questi anni – conclude il sindaco di Cammarata – abbiamo creato un unico cimitero e un unico scuolabus. Dobbiamo puntare ad unificare, ancora di più, i servizi e non i territori”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684