Trapani, Agenzia delle Entrate condannata per lite temeraria - QdS

Trapani, Agenzia delle Entrate condannata per lite temeraria

redazione web

Trapani, Agenzia delle Entrate condannata per lite temeraria

mercoledì 08 Gennaio 2020 - 15:05
Trapani, Agenzia delle Entrate condannata per lite temeraria

Dalla Commissione tributaria provinciale per un contenzioso con i proprietari di un immobile turistico. Ci sarebbe stato un "abuso del processo" da parte dell'Agenzia che non aveva alcuna utilità a perseguire l'illecito contestato

L’Agenzia delle Entrate è stata condannata dalla Commissione tributaria provinciale di Trapani per lite temeraria in un contenzioso con i comproprietari di un immobile di pregio in una zona turistica della provincia (sentenza 1227/03/19).

La questione riguardava la riqualificazione dei redditi e dell’attività esercitata su un immobile in comunione: gli avvisi di accertamento Iva e Irap relativi all’anno 2013 si innestavano su adempimenti già eseguiti e imposte già versate, quindi non in un ambito di ipotizzata evasione e/o di elusione fiscale, spiega Il Sole 24 Ore.

Secondo la Guardia di finanza prima e la stessa Agenzia poi, i comproprietari del complesso monumentale non si erano limitati a godere dei frutti, diretti e indiretti, della comunione, ma avrebbero esercitato una vera e propria attività di impresa in forma societaria, consistita nel mettere a reddito l’immobile con un’operatività “che sembrerebbe improntata al fine di conseguire uno scopo commerciale e lucrativo”.

Secondo la Ctp c’è stato un “abuso del processo” da parte dell’Agenzia delle Entrate che non aveva alcuna utilità a perseguire l’illecito contestato: avrebbe originato tra l’altro un differenziale negativo sull’imposta pagata. Per la Commissione locale si è trattato di “un’azione temeraria” che ha costretto i resistenti a stare in giudizio “con grave pregiudizio economico e morale”.

Da qui la liquidazione del danno fissata in 3.500 euro a favore di ognuno dei comproprietari, oltre al pagamento delle spese processuali a carico dell’Agenzia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684