Treni, odissea sulla Agrigento-Palermo, pendolari abbandonati in stazione - QdS

Treni, odissea sulla Agrigento-Palermo, pendolari abbandonati in stazione

web-dr

Treni, odissea sulla Agrigento-Palermo, pendolari abbandonati in stazione

web-dr |
mercoledì 17 Novembre 2021 - 16:13

Un pendolare che utilizza il collegamento ferroviario Agrigento-Palermo segnala al Codacons di Agrigento, che lo rende noto, quanto accadutogli ieri

Un pendolare che utilizza il
collegamento ferroviario Agrigento-Palermo, dietro pagamento di abbonamento mensile,
dopo i recenti disagi a causa dei danni alla linea provocati dal maltempo,
segnala al Codacons di Agrigento, che lo rende noto, quanto accadutogli ieri:
“Nuovamente, siamo stati protagonisti di una indegna odissea.

I treni da Palermo per Agrigento
alle 14.30 ci scaricano alla stazione di Termini Imerese (nel frattempo colpita
da nubifragio) perché per l’ennesima volta un tratto della linea in prossimità
di Roccapalumba, da soli quattro giorni riparato, versa nuovamente in
condizioni di impraticabilità”.

“Più di seicento pendolari – denuncia il passeggero – vengono abbandonati a Termini Imerese in attesa di pullman sostitutivi.

Alle 15.30 ne arriva uno di 50 posti. Un’ora dopo un altro della stessa capienza, sotto la calca – ciascuno cercava di trovare un posto – e una pioggia battente. Una metà di noi rimane su strada e così, inzaccherati, arrabbiati, consapevoli di essere stati abbandonati, sbarriamo la strada al pullman già colmo.

È intervenuta la polizia,
minacciando denunce: ma lo Stato non dovrebbe essere dalla parte dei cittadini
vittime di abusi e soprusi? Alcuni di noi sono arrivati alle stazioni di
pertinenza alle 20.30, gli altri rimangono ancora in attesa che Trenitalia li
riporti a casa, sparsi fino a tarda sera nei bus. La nostra non è una vita
dignitosa”.

Secondo il vice presidente provinciale di Agrigento Codacons, Giuseppe Di Rosa “anche il sottosegretario Giancarlo Cancelleri oramai ha capito che siamo l’ultima provincia d’Italia. Anche lui che doveva cambiare il mondo, viene e ci prende in giro”. Cancelleri il 14 novembre ha inaugurato il Frecciabianca sulla linea Palermo-Catania-Messina che impiega 3 ore e 10 minuti per percorrere 166 chilometri tra il capoluogo siciliano e la città etnea e 4 ore e 15 minuti per Messina. (ANSA).

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684