Ferrovie in Sicilia, "Chiusa linea Catania-Siracusa fino al 31 luglio 2021" - QdS

Ferrovie in Sicilia, “Chiusa linea Catania-Siracusa fino al 31 luglio 2021”

web-iz

Ferrovie in Sicilia, “Chiusa linea Catania-Siracusa fino al 31 luglio 2021”

web-iz |
venerdì 14 Maggio 2021 - 11:22

Il Comitato dei pendolari annuncia innumerevoli disagi ai pendolari e propone delle soluzioni per attenuali. Ecco quali

Con i nuovi orari estivi che entreranno in vigore domenica 13 giugno 2021, verrà chiusa la linea ferroviaria Catania-Siracusa sino al 31 luglio 2021.

“Quando pensano di avvisare l’utenza? – si chiede Giosuè Malaponti, Presidente Comitato Pendolari Siciliani -. L’intervento prevedeva una prima fase funzionale dell’adeguamento e raddoppio della linea Catania – Siracusa. L’intervento è stato suddiviso in due lotti funzionali: 1° lotto funzionale Bicocca-Augusta: dal km 233+634 al km 280+000; 2° lotto funzionale Augusta-Targia: dal km 280+000 al km 301+841. Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, con un costo di 125 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 81 Meuro (7 Meuro risorse MEF e 74 Meuro risorse UE) e un fabbisogno di 44 Meuro.

L’intervento permetterà la riduzione di tempi di percorrenza di circa il 10% (appena 10 minuti) rispetto a quelli attuali.

Questa chiusura mette in evidenza una situazione assurda non tanto per la decisione di chiudere la linea ferroviaria nel periodo estivo, così come è stato fatto nell’estate del 2016 (20 giugno-3 settembre) e nel 2017 (18 giugno-20 settembre) ma dal fatto che né i territori interessati, né i viaggiatori-pendolari a tutt’oggi sono stati informati di questa chiusura già programmata e dei relativi disagi/disservizi che essa comporterà.

Tra l’altro desideriamo fare presente che non c’è stato alcun tavolo di confronto con i Comitati dei Pendolari, le Associazioni dei Consumatori per cercare di trovare soluzioni a garanzia dell’ottimizzazione degli eventuali disagi/disservizi, né per la programmazione degli orari del programma annuale/estivo, nonostante sia previsto dall’art. 5 punto 5 e dall’art.18 del Contratto di Servizio (2017-2026).

Le soluzioni adottate nei nuovi orari “Treno + Bus sostitutivo” dal 13 giugno, già pubblicati e acquistabili sul portale Trenitalia.it, ci preoccupano notevolmente.

Dagli orari dei bus che dovranno sostituire le corse dei treni in entrambe le direzioni riscontriamo che i tempi di percorrenza sono abbastanza lunghi per come è stato strutturato il servizio sostitutivo e che riteniamo non del tutto funzionale”.

GLI ORARI, DAL 13 GIUGNO 2021

Giosuè Malaponti ravvisa alcune incongruenze logistiche nella prossima organizzazione: “Ecco alcuni esempi dagli orari a partire dal 13 giugno 2021:

· Treno regionale 32303 in partenza da Messina alle ore 5:13 arriva a Catania alle ore 6:30 per ripartire con il Bus PA 601 alle 6:40 effettuando le fermate di: CT Aeroporto, Bicocca, Lentini, Augusta, Priolo-Melilli e arrivare a Siracusa alle ore 8:40 – in totale da Catania 6 fermate – tempo impiegato 2 ore e 18 minuti – costo euro 7,60, tenuto conto che è il primo treno del mattino che da Messina arriva sino a Siracusa;

· Bus PA613 in partenza da Catania alle ore 5.13 ed effettua le fermate di CT Aeroporto, Bicocca, Lentini, Augusta, Priolo-Melilli e arriva a Siracusa alle ore 7.31 – in totale 6 fermate – tempo impiegato 2 ore e 18 minuti – costo euro 7,60;

· Non è stata prevista la coincidenza al bus sostitutivo Siracusa-Catania PA618 delle ore 19:25 con arrivo a Catania alle 21:43 mentre avveniva con il treno regionale 12948 delle ore 19.25 Siracusa-Catania che arrivava a Catania alle 20:44 e aveva la coincidenza con il treno 5392 Catania-Messina delle 21:09 che effettua 12 fermate (Acireale, Guardia-Mangano-S. Venerina, Carruba, Giarre-Riposto, Mascali, Fiumefreddo Sicilia, Calatabiano, Taormina-Giardini, Letojanni, S. Teresa Di Riva, Ali Terme, Messina Centrale). Con quale treno l’utenza-pendolare dovrà rientrare nei territori di provenienza?.

Un pendolare che parte da Messina, con il treno regionale veloce 5381 delle ore 5.13, arriva a Siracusa alle ore 07.55 impiegando 2 ore e 42 minuti. Lo stesso pendolare che partirà lunedì mattina 14 giugno 2021, sempre da Messina, con il treno regionale 32303 alle ore 5:13 si troverà ad impiegare per fare lo stesso tragitto 3 ore e 45 minuti di cui 1 ora e 17 minuti di percorrenza in treno tra Messina e Catania e 2 ore e 18 minuti con il bus sostitutivo PA601 sino a Siracusa”.

DUBBI SU COSTI E TEMPI DI PERCORRENZA

“Una domanda ci sorge spontanea – continua il presidente -, un bus diretto di qualsiasi azienda di trasporto sulla Catania-Siracusa impiega circa 1 ora e 15 minuti ed il costo del biglietto è di appena 4,00 euro quasi la metà sia del costo del ticket che dei tempi di percorrenza. Qual è la convenienza e l’utilità del viaggiatore-pendolare fare un abbonamento da Messina a Siracusa o da Catania a Siracusa visto i costi del biglietto e i lunghissimi tempi di percorrenza, in questo periodo di chiusura?

Siamo fermamente convinti che nessuno dei pendolari abbonati potrà e vorrà viaggiare con questi tempi di percorrenza, tenuto conto che gli orari di percorrenza dei bus sostitutivi non potranno mai essere rispettati a differenza degli orari di percorrenza dei treni che viaggiano su rotaie – continua Malaponti -.Il Dipartimento Trasporti, secondo il nostro parere, deve chiedere all’impresa ferroviaria di istituire, così come è previsto nel Contratto di Servizio (2017-2026) all’art.10 punto 3: ‘…dovranno assicurare condizioni di viaggio quantitativamente e qualitativamente paragonabili all’offerta base'”

LE PROPOSTE DEL COMITATO PENDOLARI SICILIANI

“Quali le soluzioni da adottare secondo il nostro punto di vista per cercare di ottimizzare e ridurre al minimo i disagi?Attuare quanto prevede il punto 3 dell’art.10 – aggiunge il presidente – diversificando quantitativamente e qualitativamente le corse dei bus sostitutivi:

• Bus sostitutivi diretti tra Catania-Priolo-Melilli-Siracusa e viceversa;

• Bus sostitutivi tra Catania e Augusta facendo le fermate di CT Aeroporto, Bicocca, Lentini e Augusta.

In conclusione, desideriamo sottoporre queste nostre considerazioni/suggerimenti che di sicuro ottimizzerebbero i disagi dimezzando così gli eccessivi tempi di percorrenza tra Catania e Siracusa nell’ottica di rendere più veloci gli spostamenti non solo dei pendolari del treno ma anche dell’utenza in generale e turistica che in questi mesi, quasi sicuramente, affolleranno i nostri territori”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684