Sanità, bonus prima casa, vacanze e skipass a nuovi medici a Trento - QdS

Sanità, bonus prima casa, vacanze e skipass a nuovi medici a Trento

web-iz

Sanità, bonus prima casa, vacanze e skipass a nuovi medici a Trento

web-iz |
giovedì 06 Maggio 2021 - 15:15

A Trento si registra carenza di personale medico e sanitario. Così si è deciso di incentivare i nuovi aspianti con benefit di ogni tipo. Ecco quali

Per trovare una soluzione alla carenza di medici e personale sanitario l’Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento sta organizzando una campagna di marketing che prevede anche benefit come “una indennità di avviamento… fino a quando non avrai raggiunto i 1.000 assistiti”, oppure “nessuna spesa per l’ambulatorio”. Prevista anche “l’indennità di zona disagiatissima”, estesa in Trentino a tutte le località con altitudine superiore a 500 metri.

Uno dei principi cardine del Programma di sviluppo strategico 2021-2025 dell’Azienda sanitaria di Trento è infatti che i “servizi sanitari devono essere distribuiti sul territorio, con un baricentro per ciascuna rete di patologia collocato in ospedali ‘policentrici’. Altri bonus sono ad esempio il “supporto all’acquisto della prima casa tramite contributi provinciali per residenti in Trentino”, ma anche “libri di testo gratuiti per il periodo di istruzione obbligatoria dei figli” e anche un “Dolomiti Superski gratuito per te e la tua famiglia (partner e figli) oppure una settimana all’anno per te e la tua famiglia (partner e figli) in un albergo del Trentino“.

LA REAZIONE DELLA CISL

Il tema, dice il sindacalista della Cisl e medico Nicola Paoli, “non è con che benefit attrarre i futuri giovani medici, tenendo presente che 95 medici di medicina generale sono pronti per andare in pensione da oggi e 110 delle 120 zone carenti sono andate deserte con gli incentivi. Ma come mantenere i medici e i dirigenti medici e sanitari che resteranno e resisteranno, per abnegazione, competenze e dedizione dimostrata, purché siano aggiornati i contratti e gli accordi di lavoro, con turni adeguati e riposi sufficienti che garantiscano la sicurezza sul lavoro”.

Secondo il segretario della Cisl medici del Trentino, “un medico stanco, spaventato, e sotto pressioni di ogni tipo, non si invoglia a venire in Trentino a colpi di skipass o vacanze alberghiere, ma valorizzando il personale esistente con rating premianti per gli erogatori sanitari più efficienti, attraverso progetti performanti”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684