Elon Musk ha comprato Twitter: cosa cambia per gli utenti e l'informazione - QdS

Elon Musk ha comprato Twitter: cosa cambia per gli utenti e l’informazione

web-mp

Elon Musk ha comprato Twitter: cosa cambia per gli utenti e l’informazione

web-mp |
martedì 26 Aprile 2022 - 21:14

Tra i possibili cambiamenti annunciati da Munsk: guerra ai bot, libertà di espressione per tutti ma stop ai profili anonimi. E' il social più importante al mondo per la diffusione delle notizie

Twitter dice “sì” a Elon Musk. In un radicale voltafaccia il consiglio di amministrazione della società che cinguetta accetta l’offerta dal valore di 44 miliardi di dollari del patron di Tesla, in quello che è uno dei maggiore leverage buyout, acquisto anche attraverso il debito, di una società quotata. Con l’accordo atteso chiudersi entro il 2022, Twitter si appresta a lasciare Wall Street e diventare un società privata interamente controllata dal miliardario visionario.

Musk compra Twitter: cosa cambia per gli utenti

Il tweet con cui Musk ha annunciato l’acquisto di Twitter, ha scritto: “La libertà di parola costituisce le fondamenta di una democrazia che funziona, e Twitter è la piazza digitale dove argomenti fondamentali per il futuro dell’umanità vengono discussi. Voglio rendere Twitter migliore, aggiungendo nuove funzioni, rendendo gli algoritmi open source per aumentare la fiducia, battendo i bot che fanno spam e autenticando gli umani“.

La chiave di volta del cambiamento su twitter

“Authenticating all humans“: sarà questa la chiave di volta del Twitter del futuro, il vero cambiamento dell’epoca Musk. Il buon Elon, in pratica, al fine di sconfiggere i bot (che hanno avuto un peso enorme nel diffondere le fake news negli ultimi anni) vuole obbligare tutti gli utenti ad autenticarsi sulla piattaforma.

Addio all’anonimato

Questo vuol dire, in poche parole, che non sarà più possibile usare Twitter in modo completamente anonimo: i nostri follower potranno non sapere chi siamo, ma Twitter non ci lascerà twittare senza sapere chi siamo.

Cosa cambia per l’informazione

Infine, non è possibile ignorare il fatto che Twitter è la piattaforma più importante al mondo, oggi, per la diffusione di notizie. Twitter è certamente il social dei giornalisti, il posto dove cercare informazioni su ciò che succede nel mondo. Di conseguenza c’è da chiedersi: cosa succederà alla libertà di stampa e di informazione?

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684