Ue: “Italia, debito non cala ma migliora lotta a evasione” - QdS

Ue: “Italia, debito non cala ma migliora lotta a evasione”

redazione

Ue: “Italia, debito non cala ma migliora lotta a evasione”

giovedì 27 Febbraio 2020 - 00:00
Ue: “Italia, debito non cala ma migliora lotta a evasione”

La Commissione europea: progressi in politiche attive lavoro, male su pensioni

di Chiara Greco

Bruxelles – Secondo il rapporto che la Commissione Ue ha pubblicato ieri, in merito al quadro del “pacchetto d’inverno del semestre europeo”, l’Italia insieme alla Grecia e a Cipro, è ancora uno dei tre Stati membri in situazione di “squilibro macroeconomico eccessivo”, a causa del suo debito elevato e ancora in aumento.
“In Italia il rapporto debito pubblico/Pil è ancora in aumento, sebbene – riconosce la Commissione – i piani del governo stiano diventando più compatibili con una riduzione del debito”.

L’Italia ha fatto “progressi sostanziali” nella lotta contro l’evasione fiscale, “specialmente riguardo all’omessa fatturazione”, in particolare attraverso “l’uso obbligatorio dei pagamenti elettronici” e “l’introduzione di soglie giuridicamente obbligatorie più basse per i pagamenti in contanti”.
La Commissione nota anche “qualche progresso nell’assicurare che le politiche attive del lavoro e le politiche sociali siano efficacemente integrate e riguardino in particolare i giovani e i gruppi vulnerabili”. Un riferimento evidente al reddito di cittadinanza.

Non sono stati fatti progressi, invece, secondo l’Esecutivo Ue, “nell’assicurare che siano attuate pienamente le passate riforme delle pensioni, per ridurre la quota di spesa pubblica destinata alle pensioni di anzianità, e che siano creati margini per altre spese sociali e con effetto sulla crescita”. Il riferimento, in questo caso, è chiaramente a “quota 100”, vista come una marcia indietro rispetto alle riforme pensionistiche precedenti.
Nessun progresso infine, conclude la Commissione, neanche per correggere “le restrizioni alla concorrenza nei settori delle vendite al dettaglio e della consulenza d’affari”, dove ci vorrebbe una “legge annuale della concorrenza”.

Oltre a Italia, Grecia e Cipro, altri nove Stati membri presentano situazioni economiche complesse, definite però, dalla stessa commissione non ancora “preoccupanti”: Germania, Irlanda, Spagna, Olanda, Francia, Croazia, Portogallo, Romania e Svezia; elenco di cui non fa più parte da quest’anno, la Bulgaria, in quanto sono stati registrati progressi sufficienti in termini di risultati economici.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684