Un milione di euro per "Biblioteche e comunità" al Sud - QdS

Un milione di euro per “Biblioteche e comunità” al Sud

Serena Giovanna Grasso

Un milione di euro per “Biblioteche e comunità” al Sud

giovedì 01 Agosto 2019 - 08:30
Un milione di euro per “Biblioteche e  comunità” al Sud

Il bando Mibac-Fondazione con il Sud riguarda le biblioteche dei centri che hanno ottenuto la qualifica di “Città che legge 2018-2019” in Sicilia, Sardegna, Basilicata, Campania, Calabria e Puglia

PALERMO – È stato pubblicato lo scorso 17 luglio il bando “Biblioteche e comunità”, promosso dal Centro per il libro e la lettura del Mibac (Ministero per i beni e le attività culturali) e la Fondazione con il Sud, in collaborazione con l’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), con l’obiettivo di contribuire a migliorare la funzione sociale delle biblioteche dei Comuni meridionali. Sicilia, Sardegna, Basilicata, Campania, Calabria e Puglia sono le sei regioni destinatarie dell’iniziativa.

Il capitale messo a disposizione per i finanziamenti è pari ad un milione di euro ed andrà a sostenere i progetti finalizzati all’inclusione e coesione sociale. In particolare, gli interventi finanziabili devono prevedere l’incremento e il miglioramento dell’accesso agli spazi, ampliando gli orari (ad esempio, possono prevedere aperture serali o anche nel fine settimana), e ai servizi di supporto alla lettura e allo studio. Inoltre, i progetti dovranno prevedere il coinvolgimento dei soggetti tradizionalmente esclusi dalla fruizione e produzione culturale, mediante l’adozione di strumenti e modalità innovative di partecipazione. La biblioteca deve essere vista come luogo di confronto culturale da parte di gruppi e soggetti diversi, così da offrire occasioni di incontro per la comunità locale.

I progetti proposti dovranno essere condotti e realizzati in partenariato tra le biblioteche comunali e le organizzazioni del terzo settore che abbiano specifiche competenze nel campo della promozione sociale e culturale. Le iniziative previste dovranno essere orientate a produrre un cambiamento nel rapporto tra istituzione bibliotecaria e territorio, anche in una prospettiva di rigenerazione urbana.

Il bando presuppone la creazione di partnership, intese come accordi tra almeno tre o più soggetti, che vedano coinvolte un’organizzazione del terzo settore, una o più biblioteche comunali di città aventi la qualifica di “Città che legge 2018-2019” e almeno un altro soggetto che potrà appartenere, oltre che al mondo del volontariato e del terzo settore, a quello della scuola, delle istituzioni, dell’università, della ricerca e delle imprese. Le biblioteche coinvolte possono anche appartenere a diversi Comuni, di cui però almeno uno deve essere in possesso della qualifica.

Ventuno dei centosettanta Comuni meridionali in possesso della qualifica, e quindi potenzialmente destinatari della misura, sono siciliani (Agrigento, Augusta, Avola, Barcellona Pozzo di Gotto, Castellammare del Golfo, Centuripe, Floridia, Gela, Gioiosa Marea, Lentini, Messina, Milazzo, Montelepre, Noto, Palermo, Patti, Porto Empedocle, Realmonte, San Cataldo, Santa Lucia del Mela e Sant’Agata li Battiati).

Per essere ammessi alla valutazione, i progetti non dovranno prevedere finanziamenti destinati alla gestione ordinaria delle attività svolte dai componenti della partnership, né essere finalizzati ad attività di studio e ricerca e non dovranno richiedere finanziamenti finalizzati all’acquisto o alla costruzione di infrastrutture fisiche immobiliari. Inoltre, gli interventi dovranno prevedere una quota di cofinanziamento pari ad almeno il 20% del costo complessivo del progetto, costituita interamente da risorse finanziarie e con chiara indicazione delle fonti di copertura.

La domanda deve essere inviata online attraverso la piattaforma Chàiros entro le 13 del prossimo 23 settembre. Il finanziamento ammissibile ammonta ad un massimo di 100 mila euro per ciascun progetto di durata pari a ventiquattro mesi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684