Variante Delta, allarme Oms, "I vaccini non bastano a fermarla" - QdS

Variante Delta, allarme Oms, “I vaccini non bastano a fermarla”

web-la

Variante Delta, allarme Oms, “I vaccini non bastano a fermarla”

web-la |
giovedì 08 Luglio 2021 - 13:25

Cresce l'allarme sulla diffusione della variante Delta che ormai ha già raggiunto 104 Paesi al mondo, sette in più solo nell'ultima settimana

Cresce l’allarme sulla diffusione della variante Delta che ormai ha già raggiunto 104 Paesi al mondo, sette in più solo nell’ultima settimana. Lo rileva il ‘Weekly Epidemiological Update’ dell’Oms, il rapporto settimanale dell’organizzazione mondiale della sanità che fotografa la pandemia a livello globale.

La variante, individuata per la prima volta in India nell’ottobre 2020, considerata più contagiosa e destinata a rappresentare la maggior parte dei futuri contagi, al primo giugno – precisa l’Update Oms – era presente in 62 Paesi, per passare a 80 a metà del mese scorso e rimbalzare a 104 la settimana scorsa. 

“Assumere che il tasso di infezione da Covid non aumenterà grazie ai vaccini è un errore”. E’ il monito dell’Oms, che mette in guardia contro un eccessivo allentamento delle misure di sicurezza e delle restrizioni sanitarie.

“Facciamo appello affinché si usi prudenza estrema per quanto concerne la fine totale delle restrizioni sanitarie e sociali in questo momento, altrimenti ci saranno delle conseguenze”, sottolineano dall’Organizzazione.

“Le parole dell’Oms di prudenza sono quelle che ripeto da sempre: la pandemia non è finita, dobbiamo avere grande prudenza e attenzione soprattutto per le varianti che sono elementi di ulteriore preoccupazione in un quadro che va seguito con grande attenzione”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, a margine dell’Assemblea Pubblica di Farmindustria 2021, commentando il richiamo rilanciato ieri dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. “C’è un quadro notevolmente migliore rispetto a quello che abbiamo conosciuto nei mesi precedenti – ha aggiunto – ma va tenuta alta la guardia”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684