Vax Day, nello Spallanzani per la distribuzione in Italia i vaccini anticoronavirus. Presto a Palermo - QdS

Vax Day, nello Spallanzani per la distribuzione in Italia i vaccini anticoronavirus. Presto a Palermo

redazione web

Vax Day, nello Spallanzani per la distribuzione in Italia i vaccini anticoronavirus. Presto a Palermo

sabato 26 Dicembre 2020 - 13:42
Vax Day, nello Spallanzani per la distribuzione in Italia i vaccini anticoronavirus. Presto a Palermo

Tutti i particolari dell'Operazione Eos: via terra sessanta mezzi militari e per le regioni più lontane cinque aerei. Quasi diecimila le dosi da consegnare. Stasera ne giungono a Palermo 685. Domani al Civico le prime somministrazioni, in diretta Fb, presenti Musumeci e Razza. Gli altri vaccini e la seconda fase. L'impiego degli shelter frigo. Oltre tre milioni le persone già vaccinate in tutto il mondo. Appena un anno tra l'individuazione del coronavirus e la distribuzione del vaccino

Dopo essere giunto dal Brennero a Roma ieri scortato dalle auto dei Carabinieri, oggi alle 11.20 è giunto nell’Istituto romano Lazzaro Spallanzani il furgone frigorifero con le prime 9.750 dosi dei vaccini anticoronavirus Pfizer-Biontech, che saranno distribuiti in tutt’Italia in vista del Vax Day.

Una parte dei vaccini Pfizer sarà trasportata via terra, un’altra giungerà a Pratica di Mare, l’hub nazionale, dove cinque aerei – tra cui due C27J dell’Aeronautica, due Dornier Do. 228 dell’Esercito e un P-180 della Marina – raggiungeranno le mete più lontane, come l’aeroporto di Palermo.

L’Operazione Eos

L’operazione di distribuzione, denominata Eos, viene effettuata via terra con sessanta mezzi militari e l’impiego di duecentocinquanta uomini. Anche in questo caso l’Arma dei Carabinieri fornirà il servizio di scorta ai movimenti via terra.

Le dosi, stoccate presso l’ospedale Spallanzani di Roma, vengono distribuite nelle varie Regioni per consentire all’intero Paese di partecipare, domani, domenica 27 dicembre, al “Vaccine day europeo”.

Dosi a Palermo entro le 22 di stasera

E le dosi arriveranno intorno alle 22 di stasera, all’aeroporto di Punta Raisi (e non di Boccadifalco come in precedenza comunicato), con un volo dell’aeronautica militare le prime dosi di vaccino anti covid, che verranno utilizzate per la giornata europea della vaccinazione di domani.

Le dosi saranno prelevate dal reggimento Logistico della brigata Aosta e custodite in apposite celle frigorifere, all’interno della caserma Scianna di Palermo.

All’alba di domani, i vaccini saranno trasferiti dai militari dell’Esercito all’ospedale Civico di Palermo, per essere quindi distribuiti secondo il piano nazionale di vaccinazione stabilito dal Ministero della Salute.

Domattina si comincia dal Civico

E per domani alle ore 11.30, nel padiglione 24 dell’ospedale Civico di Palermo, è programmata la prima vaccinazione su un cittadino siciliano che rientra nel target individuato dal Piano nazionale concordato con le Regioni.

In questa primissima fase, in Sicilia, saranno complessivamente 685 le persone che verranno sottoposte a vaccino, dal 4 gennaio prossimo invece si procederà secondo quanto stabilito dal Piano nazionale che ha profilato il target.

Musumeci e Razza in diretta Facebook

Domani mattina al Civico saranno presenti anche il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore alla Salute Ruggero Razza. Le immagini della prima vaccinazione saranno trasmesse in diretta sulla pagina ufficiale Facebook della Regione Siciliana.

Nell’ambulatorio allestito per il V-Day e negli altri Centri di somministrazione dell’ospedale Civico si proseguirà con altri vaccini.

Il programma delle prime vaccinazioni

Domani, toccherà a nove rappresentanti dell’Ordine dei medici (uno per ogni provincia), cinque medici di medicina generale, cinque pediatri di libera scelta, cinque medici di continuità assistenziale e 10 rappresentanti del 118 (tra medici, infermieri e autisti soccorritori).

Inoltre verranno sottoposti a vaccinazione tre rappresentanti dell’Ismett, tre della Fondazione Giglio di Cefalù e 15 dipendenti della stessa Arnas Civico.

Trenta rappresentanti delle Rsa

Domani, inoltre, secondo quanto previsto dal target della campagna di vaccinazione, a Palermo verranno vaccinati anche trenta siciliani che rientrano nell’ambito delle Rsa.

Nei giorni successivi (fino al trenta dicembre), invece, in tutti i Centri di somministrazione della città di Palermo giungeranno dieci rappresentanti di ogni Azienda sanitaria della Sicilia per ricevere il vaccino anti Coronavirus.

Gli altri vaccini e la seconda fase

Le successive dosi del vaccino, così come previsto dal Piano nazionale, saranno consegnate direttamente dalla Pfizer-Biontech ai trecento siti di somministrazione individuati dalla Struttura commissariale in accordo con le Regioni.

Nella seconda fase, non appena disponibili i vaccini di tipo “cold” delle altre case farmaceutiche (AstraZeneca, Moderna, ecc), le Forze Armate in base alle indicazioni fornite dal Commissario Straordinario saranno impegnate nel trasporto logistico su tutto il territorio nazionale.

L’hub principale per lo stoccaggio delle dosi sarà nell’Aeroporto di Pratica di Mare da dove partiranno per raggiungere i 21 “Sub Hub”, strutture militari dislocate in tutte le Regioni che garantiscono le necessarie misure di sicurezza. Da qui partiranno per essere consegnati ai siti di somministrazione.

Il piano prevede l’utilizzo di undici aerei, 73 elicotteri e oltre 360 autoveicoli.

Gli shelter frigo

L’organizzazione logistica contempla anche l’utilizzo degli shelter frigo in dotazione alla Difesa.

Per entrambe le tipologie di vaccini, in accordo alle richieste del servizio sanitario regionale e locale, il Ministero della Difesa prevede di costituire, inoltre, delle postazioni vaccinali fissi e mobili (Presidi Vaccinali Difesa- PVD) attraverso la riconversione dei “Drive Through Difesa”, attualmente operativi in tutta Italia per effettuare i tamponi e contribuire, insieme al Ministero della Salute, all’attività di screening.

Il personale sanitario delle Forze Armate sarà disponibile per l’eventuale somministrazione anche con team mobili nelle Rsa o a domicilio per i cittadini con difficoltà motorie.

Oltre tre milioni di persone vaccinate nel mondo

Intanto, in diversi Paesi del mondo, dagli Usa al Canada alla Gran Bretagna, la vaccinazione anti-covid è già iniziata e secondo il sito Ourworldindata hanno già avuto il vaccino 3,31 milioni di persone, con Cina e Usa che hanno superato il milione di dosi inoculate e la Gran Bretagna che è attorno alle ottocentomila.

Israele e Bahrein sono invece le nazioni con il maggior numero di vaccini pro capite, con oltre il 2% della popolazione vaccinata.

Un anno tra virus e vaccino

Tra l’inizio ufficiale dell’epidemia di Sars-CoV-2 e il Vax Day europeo, domenica 27 dicembre, che dovrebbero rappresentare l’inizio della fine della pandemia, è trascorso meno di un anno.

Il primo focolaio del nuovo coronavirus è stato segnalato dalla Cina all’Oms il 31 dicembre dello scorso anno, mentre la sequenza genetica del virus, indispensabile per poter progettare i sieri, è stata resa pubblica per la prima volta il dieci gennaio scorso.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684