Virus o non virus finiremo a Beirut - QdS

Virus o non virus finiremo a Beirut

web-dr

Virus o non virus finiremo a Beirut

web-dr |
venerdì 19 Marzo 2021 - 17:57

La pandemia ha dato una scossa al mondo. Come la diede la seconda guerra mondiale.

La pandemia ha dato una scossa al mondo. Come la diede la seconda guerra mondiale, nulla fu come prima, morirono imperi coloniali e nacquero nuovi imperi. Nacquero multinazionali in tanti Paesi, in Italia la nuova Fiat di Valletta e Agnelli seguì questo corso.

Oggi questa scossa tellurica ha provocato forti disallineamenti. Lo scontro sui vaccini ne è una plastica dimostrazione. L’Europa, peraltro distaccata dalla Gran Bretagna, si trova a dover combattere una guerra batteriologica senza armi. Non possiede un proprio vaccino, ed è messa in mezzo dalla potenza di fuoco altrui, fra interferenze e crasi interne. Di fatto è la dimostrazione che L’Europa, lenta e burocratica, si è divaricata per effetto delle accelerazioni della globalizzazione, scissa tra il mondo anglosassone ed il continente orientale.

L’Italia era già di suo disallineata rispetto all’Europa. Draghi sta cercando di mantenerla nel convoglio europeo, ma affronta enormi difficoltà per i molti anni perduti da un sistema Paese cieco ed involuto, soprattutto in ricerca e sviluppo.

E la Sicilia? Quella che tanti anni fa era laboratorio dell’Italia?

La Sicilia è da decenni alla deriva rispetto al suo Paese, figuriamoci con L’Europa, che consideriamo solo un bancomat assistenziale.

Da anni tra la Sicilia e lo Stato italiano è saltato non solo il trait d’union politico istituzionale, ma anche il cuscinetto a sfera del Commissario dello Stato. Ultimo retaggio di collegamento concordatario tra l’autonomia ormai spenta ed uno Stato ormai patrigno.

Da anni ogni nostra norma, soprattutto finanziaria, senza un filtro di mediazione, cade sotto i colpi dell’impugnativa di Palazzo Chigi, mortificando sia il Parlamento siciliano, sia, cosa peggiore, il rapporto tra i siciliani ed il voto democratico.

Ancora in questi giorni vediamo una tardiva finanziaria regionale, senza vitalità e respiro, galleggiare prima di finire impallinata dalla cannoniera romana. Continuando con questa deriva di disarticolazione non  finiremo a Roma, come diceva Venditti, ma a Beirut.

Gatto Silvestro

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684