Catania - “Centro Midulla” nel degrado, così la cultura è dimenticata - QdS

Catania – “Centro Midulla” nel degrado, così la cultura è dimenticata

Melania Tanteri

Catania – “Centro Midulla” nel degrado, così la cultura è dimenticata

martedì 15 Settembre 2009 - 00:00

La struttura realizzata 10 anni fa a San Cristoforo ospita una sala conferenze e anche una biblioteca. Il consigliere di circoscrizione Riolo (Pd): “Poche iniziative e troppa sporcizia”

CATANIA – Cumuli di spazzatura sparsi, insetti di vario genere, tombini otturati straripanti di rifiuti e un odore nauseabondo che si diffonde ovunque.
Questo il triste quadro di Via Zuccarelli, traversa di via Belfiore nel rione S. Cristoforo. Qui, tra gli scarti del mercato, gettati in strada e dati alle fiamme, si trova il “Centro culturale Midulla”, realizzato circa 10 anni fa in un edificio che ospitava un vecchio cinema e dotato di una palestra, di una sala conferenze, di una saletta proiezioni e di ulteriori spazi annessi e utilizzabili come laboratori o sale studio.
Di recente, poi, all’interno del centro è sorta anche una biblioteca, allestita anche grazie al contributo dei consiglieri della prima municipalità che, il 7 Marzo scorso hanno organizzato un’iniziativa di raccolta di libri usati al fine di completare e accelerare l’allestimento della biblioteca e consentirne la rapida apertura. Oggi, a distanza di sei mesi, niente sembra essersi mosso e il centro, miseramente vuoto, spicca tra la sporcizia e l’incuria. “Trascorrono i mesi ma si sa, catalogare i libri è complicato e richiede molto tempo – afferma ironica Valentina Riolo, consigliere della circoscrizione da tempo impegnata per la diffusione e libera fruizione della cultura a San Cristoforo. Nonostante le ripetute richieste dei consiglieri di quartiere, insieme a me Giuseppe Strano e Ferdinando Nicoletti – continua – tutto tace”.
E questo nonostante molti cittadini volenterosi si siano recati al ‘Midulla’ per donare altri libri e per chiedere informazioni sulle attività del centro e in particolare sulla biblioteca. “I ‘donatori’ dei libri usati – continua la Riolo – aspettano ancora di essere contattati, come era stato loro promesso,per essere invitati all’inaugurazione della biblioteca, un’inaugurazione che non si è mai fatta, nonostante il via libera della Direzione al ecentramento, solo perché l’Assessorato alla Cultura non lo ha ritenuto necessario. In fondo – afferma – basta mettere un piccolo cartello sulla porta d’ingresso, quasi sempre chiusa per motivi igienici e di sicurezza, per comunicare l’apertura della biblioteca, avvenuta formalmente il 30 aprile 2009”. Il cartello in realtà esiste e spicca tra le vetrate rotte dell’ex cinema, ma gli abitanti continuano a considerare nulle le attività del centro, sia per la scarsa programmazione di iniziative, sia per il contesto di sporcizia e degrado in cui questo sorge.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684