Palermo - Raccolta differenziata porta a porta, è polemica sull'avanzamento - QdS

Palermo – Raccolta differenziata porta a porta, è polemica sull’avanzamento

Gaspare Ingargiola

Palermo – Raccolta differenziata porta a porta, è polemica sull’avanzamento

martedì 29 Settembre 2015 - 15:00
Palermo – Raccolta differenziata porta a porta, è polemica sull’avanzamento

L’amministrazione comunale risponde alle critiche sui ritardi nel progetto Palermo differenziata 2. L’assessore all’Ambiente Lapiana: “L’iniziativa diventerà operativa entro l’anno”

PALERMO – “Palermo Differenzia 2 partirà entro l’anno”. Prova a smorzare le polemiche l’assessore all’Ambiente del Comune di Palermo, Cesare Lapiana, dopo la diffida del Movimento 5 Stelle sui ritardi dell’avvio della seconda tranche della raccolta differenziata porta a porta.
“Concediamo – avevano avvertito i pentastellati – a Regione, Comune-Rap e Conai trenta giorni di tempo per avviare il progetto, dopodiché depositeremo un esposto presso la Corte dei Conti per il danno erariale legato al maggiore conferimento di rifiuti in discarica e ai minori introiti per la vendita dei materiali differenziati che la città sta patendo per il ritardo del progetto”.
E in effetti non è la prima volta che Lapiana annuncia l’avvio della seconda fase, che paga già adesso un grosso ritardo, visto che doveva partire a inizio 2014, mentre risale a dicembre 2013 il protocollo d’intesa tra Comune, Regione, Conai e l’allora commissario straordinario di Bellolampo Marco Lupo. Di rinvio in rinvio, però, si arriva all’ottobre dell’anno scorso, quando, alla presentazione del primo piano industriale della Rap, l’assessore e il sindaco Leoluca Orlando se la prendono con “il Dipartimento acque e rifiuti della Regione Siciliana, che ha avuto il compito di predisporre tutte le gare per l’acquisizione dei mezzi e delle relative attrezzature”.
Anche stavolta, dopo l’invettiva del M5S, stava risuonando lo stesso refrain, con Palazzo delle Aquile e Palazzo d’Orleans a rimpallarsi le responsabilità: “Aspettiamo il collaudo dei 35 mezzi, che sono già a Palermo. Non dipende da noi”, ha rimarcato il presidente della Rap Sergio Marino.
Versione smentita dalla Regione: “Il ritardo nell’avvio del progetto Palermo Differenzia 2 dipende dal Comune e dalla Rap – ha replicato, infatti, l’assessore regionale all’Energia, Vania Contrafatto. – La Regione ha espletato tutte le procedure di sua competenza e stiamo ultimando il collaudo dell’ultimo mezzo”.
Adesso Lapiana getta acqua sul fuoco: “Che siano passati tredici mesi dall’annuncio all’effettiva attivazione è del tutto fisiologico. Comune e Regione hanno portato avanti insieme l’iter per espletare le gare d’appalto. Entro dicembre partiamo”.
È utile ricordare l’impatto particolarmente positivo di un simile sistema di raccolta in termini di riciclo dei rifiuti: a Palermo la media di raccolta differenziata è del 10% mentre nei quartieri dove il porta a porta è già attivo si sfiorano punte del 60%. Con “Palermo Differenzia 1” il meccanismo è entrato in funzione nelle zone di via Belgio-via Praga, viale del Fante, Campolo, Puglisi, Dante, Amari, Malaspina, Aurispa, Parisio e viale Regione Siciliana, per circa 130mila abitanti. Finanziata con 12 milioni di euro, la seconda fase interesserà altri 130 mila abitanti fra Strasburgo, Politeama-Massimo, centro storico, Borgo Vecchio, costa Sud.
In cantiere c’è anche “Palermo Differenzia 3” per servire ulteriori 130mila abitanti – per un totale di 390mila, che collocherebbero il capoluogo siciliano tra le prime città metropolitane d’Italia – nei quartieri di Mondello, Sferracavallo e Partanna.
Senza dimenticare che a Borgo Nuovo è stata avviata la sperimentazione della raccolta di prossimità, una sorta di via di mezzo tra la raccolta tradizionale nei cassonetti e il porta a porta. Anche la Rap beneficerebbe dell’estensione del servizio: trasportare a Bellolampo una tonnellata di rifiuti indifferenziati costa 80 euro, rivendere il materiale riciclabile procura un ricavo che, per esempio, per una tonnellata di plastica può arrivare a 200 euro.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684