Alla scoperta della comunità "Amish", tutto il fascino di usi, costumi e tradizioni - QdS

Alla scoperta della comunità “Amish”, tutto il fascino di usi, costumi e tradizioni

Nicoletta Fontana

Alla scoperta della comunità “Amish”, tutto il fascino di usi, costumi e tradizioni

venerdì 04 Dicembre 2015 - 02:00

Tappa irrinunciabile per il viaggiatore è l’Amish Village, una vecchia “fattoria museo” risalente al lontano 1840

Siamo nell’East Cost americano e lo straordinario fenomeno del foliage ci porta a lasciare la città per farci dirigere verso le campagne allo scopo di godere al massimo di questo fenomeno naturale che l’autunno ci regala.
Partendo in auto da Philadelphia ad esempio, in appena un’ora e mezza si può raggiungere Lancaster County, una contea in piena campagna, che oltre a regalarci la magnificenza dei colori autunnali, ci porta alla scoperta della comunità degli Amish e del loro stile di vita.
Gli Amish a causa delle loro credenze anabattiste sono stati perseguitati in Europa ( vivevano tra la Svizzera e la Germania) e si sono trasferiti in Pennsylvania già nel lontano 1700 grazie all’invito di William Penn. Gli Amish sono una setta anabattista cristiana, che si staccò dai mennoniti europei prendendo sul serio una parte della Bibbia in cui vi è scritto di separarsi dalle cose del mondo, questa è una delle ragioni per cui non hanno nessuna connessione con il mondo moderno, prima fra tutte l’energia elettrica. Respingono ogni forma di mondanità e considerano la modernizzazione un allontanamento da Dio.
Per meglio comprendere questa popolazione la prima tappa bisogna dedicarla all ‘Amish Village, una vecchia “fattoria museo” risalente al 1840.
La guida ci illustrerà usi, costumi e tradizioni degli Amish ed anche il modo in cui loro convivono serenamente con gli americani della zona e di come dovremmo approcciarsi con loro girando per la contea. è molto importante sapere che loro non vogliono essere fotografati, una frustrazione che ci perseguiterà per tutta la permanenza in questa regione, perchè per noi è troppo interessante poterli immortalare con il loro abiti tradizionali, in sella a un calesse o mentre spingono il loro tipico monopattino.
Il tour con il trenino a vapore all’interno della campagna è un’occasione per osservarli discretamente durante le loro mansioni quotidiane tra i campi, degustando nel frattempo, nel vagone ristorante, piatti tipici cucinati secondo le loro antiche ricette.
In questo luogo dove pare che il tempo si sia fermato secoli fa, un giro in calesse è d’obbligo, un autentico Amish ci porterà in una delle tante fattorie, un’ottima occasione per entrare in contatto con loro.
Non potendo essere invitati in una delle loro case loro, il consiglio è di andare a mangiare al Plain&Fancy Farm, un ristorante in cui non solo si possono degustare i loro piatti tipici, ma nel grande spaccio adiacente si possono acquistare le coperte Patchwork di loro fattura, nonché marmellate e biscotti e ogni sorta di souvenir tipici del loro artigianato.
Lasciando le verdi distese della campagna un giro a Lancaster città è d’obbligo.
Prima meta il Lancaster Central Market, il più antico “Farmer Market” degli States, un’esperienza molto eccitante che ci mette finalmente in contatto diretto con questa popolazione. Ci si perde tra i banchetti di frutta, formaggi, salumi, pane, torte, marmellate, libri di cucina e souvenir derivanti dallo loro produzione. Una buona scusa per fare dello shopping tutto “organic e handmade”!!
Visitare Lancaster vuol dire passeggiare nella Gallery Row, una strada che pullula di gallerie d’arte e negozi di design, da MIO STUDIO, una giovane designer propone le sue creazioni di bijoux in ebano, vere sculture, da non perdere!
Si dorme al “The Inn Leola Village”, un hotel a 5 stelle, molto romantico e raffinato, la Spa propone anche trattamenti di coppia e tra i diversi ristoranti al suo interno consiglio di cenare al TE, dove grazie allo Chef Giovanni Calabrese si possono degustare piatti tipici della massima espressione italiana in una convergenza che contempla vari stili regionali ed esperienze culinarie presenti in tutta Italia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684