Affrontare la multiculturalità come una vera e propria mission - QdS

Affrontare la multiculturalità come una vera e propria mission

Redazione in collaborazione con Istituto De Felice-Olivetti

Affrontare la multiculturalità come una vera e propria mission

Affrontare la multiculturalità come una vera e propria mission

Integrazione scolastica, solidarietà e rispetto di tutte le culture

I flussi migratori, mai imponenti come oggi, hanno portato all’inserimento scolastico di bambini e ragazzi provenienti dalle aree più diverse del mondo e dalle condizioni più disparate: giovani di seconda o terza generazione di immigrati ma anche disperati in fuga da guerra e povertà.
Nel dramma causato dagli attacchi terroristici, nel frastuono di notizie, parole, slogan e annunci in cui ci immergono i mass media, la scuola è chiamata a rafforzare il proprio ruolo di agenzia educativa finalizzata alla formazione dei cittadini. In questi giorni violenti, mentre il rischio di derive xenofobe e intolleranti diventa maggiore, la scuola sembra essere l’unica istituzione in grado di diffondere la cultura della pace, della non violenza, dell’accoglienza e dell’accettazione.
Nel nostro Paese, gli esempi di scuole che hanno già affrontato e continuano ad affrontare con successo la complessa strada dell’integrazione sono numerosi; come numerose sono le difficoltà incontrate, dovute a carenze “strutturali” (investimenti, formazione insegnanti, insufficienza di mediatori linguistici), alle quali i docenti devono sopperire, nonché ai limiti dovuti a pregiudizi, timori e diffidenze delle famiglie e dunque dei ragazzi.
Le classi multiculturali si rivelano complesse, segnate da iniziali rallentamenti nell’attività didattica, soprattutto a causa della difficoltà di comunicazione. Tuttavia l’esperienza dimostra come docenti, genitori e alunni abbiano rilevato numerosi aspetti positivi nella presenza di stranieri nelle classi: crescita e arricchimento culturale, sviluppo del senso di solidarietà, di rispetto e di apertura all’altro, riduzione dei pregiudizi, maggiore facilità ad apprendere una nuova lingua.
Affrontare la multiculturalità è dunque l’impegno della scuola per ridefinire le conoscenze e i modi di pensare e comunicare dei “nuovi” cittadini. Insomma, multiculturalità non più come servizio ma come vera e propria mission, perché la sfida dell’inclusione la vinceranno i ragazzi ai quali la scuola consente di apprezzare il valore della convivenza in pace.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684