On-line una visione comune della giustizia in “formato Ue” - QdS

On-line una visione comune della giustizia in “formato Ue”

Eloisa Bucolo

On-line una visione comune della giustizia in “formato Ue”

venerdì 08 Ottobre 2010 - 00:00

Un nuovo punto di riferimento per i cittadini e le imprese su internet

CATANIA – L’Unione europea ha creato e-justice, un sito internet unico per dare una visione comune della giustizia europea, poter accedere facilmente alle norme comunitarie e allo stesso tempo, nel rispetto dell’identità dei singoli Stati membri, promuovere la comprensione reciproca dei diversi sistemi giuridici. Il progetto nasce per aiutare i 10 milioni di cittadini europei che ogni anno sono alle prese con problemi di giustizia in un altro paese dell’Unione.
Molti sono i vantaggi per cittadini, imprese, avvocati e magistrati ai quali l’iniziativa si rivolge. Mediante il sito gli imprenditori possono facilmente accedere ai registri fallimentari, immobiliari e delle imprese ed ottenere informazioni sulla legge applicabile nei procedimenti commerciali transfrontalieri. I professionisti legali avranno libero accesso alle banche dati giuridiche internazionali ed europee, inoltre, a breve, potranno comunicare on line, mediante videoconferenza, con attori e convenuti per la risoluzione di procedimenti giudiziari fuori confine in ambito penale o civile.
Numerosi anche i vantaggi per i cittadini che possono trovare informazione sul funzionamento dei sistemi giuridici dei 27 Stati membri. Sarà più facile conoscere il diritto di successione o di famiglia vigente in un altro paese o sapere come vengono garantiti i diritti violati. Per tutti coloro che sono coinvolti in un procedimento giudiziario transnazionale, come ad esempio adozioni, matrimoni, transazioni commerciali, incidenti stradali, è possibile attraverso il portale trovare un avvocato in un altro paese, ottenere informazioni su come funzionano i singoli sistemi giudiziari,conoscere le regole per accedere al patrocinio gratuito e alla mediazione.
L’accesso all’informazione, spesso ostacolato dalle barriere linguistiche, è reso agevole grazie al formato multilingue del portale, che è infatti tradotto in 22 lingue.
Visitando la sezione “Glossario” del sito si possono consultare gratuitamente i dizionari europei giuridici ed inoltre, entro il 2013 si procederà alla preparazione di due theasures sui diritti e doveri degli stranieri e sul diritto di famiglia. La Commissione europea, che gestisce il sito, infatti, continuerà a collaborare con gli Stati membri per arricchire gradualmente i contenuti e sviluppare nuove funzionalità.
L’informazione diviene in tal modo strumento essenziale affinché tra i cittadini di ogni Stato membro possa accrescere la consapevolezza di essere anche cittadini europei.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684