Con l’attuazione del federalismo in sanità verso l’adozione di tariffe uguali per tutti - QdS

Con l’attuazione del federalismo in sanità verso l’adozione di tariffe uguali per tutti

Con l’attuazione del federalismo in sanità verso l’adozione di tariffe uguali per tutti

martedì 04 Gennaio 2011 - 00:00

Le Regioni in Conferenza unificata hanno trovato l’intesa sul decreto attuativo che si occupa anche di sanità. Nell’accordo raggiunto è stato deciso che il taglio della spesa per i precari non riguarda il settore

ROMA – Il si questa volta è arrivato da tutte le regioni in Conferenza unificata. Il federalismo fiscale e sanitario mette d’accordo tutti. Almeno sulla carta. è di pochi giorni fa l’intesa tra Regioni e governo sul decreto attuativo al federalismo fiscale che riguarda il fisco regionale e i costi standard in sanità. Le Regioni, dopo un lungo contenzioso con l’esecutivo che riguarda anche i tagli contenuti in manovra, hanno dato l’ok in sede di Conferenza unificata.
L’intesa appena raggiunta consente allle Regioni ci conquistare la propria autonomia, fondamentale per gestire le proprie politiche, cessando così il ricorso alla finanza derivata.
Quanto alla Sanità, nell’accordo raggiunto è stato anche chiarito che il taglio del 50% della spesa per i precari della pubblica amministrazione previsto dalla manovra economica estiva non riguarda il Servizio Sanitario nazionale. Infine, per la copertura della spesa per i ticket sanitari, il presidente delle Regioni, Vasco Errani, ha ricordato che “spetta al governo trovare le risorse, altrimenti sarà il governo stesso a dover introdurre i ticket”; un tema, dunque, questo, che “rimane ancora aperto”.
A proposito dei ticket, la confusione è molta. La maggior parte delle regioni chiede 36,15 euro, ma si arriva ai 45 della Calabria e ai 46,15 della Sardegna.
Accordo più chiaro raggiunto invece in tema di trasporto pubblico.
Le Regioni in questo caso hanno ottenuto, che le risorse liberate dal patto di stabilità siano spendibili per il 2011 mentre dal 2012 il governo si è impegnato a fiscalizzare il trasporto. Allo stesso modo il governo si è impegnato, dal 2012, a rivedere i 4 miliardi e mezzo di tagli che erano stati previsti dalla manovra di luglio.
E non tutti esultano anche se l’accordo è stato raggiunto. Vedremo se il federalismo riuscirà a razionalizzare la giungla delle tariffe o aumentare la confusione e il caos nonchè le differenze regionali.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684